Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giulietto Chiesa Italia fuori dalla legge europea. E il Consiglio di Stato rinvia ogni decisione

Italia fuori dalla legge europea. E il Consiglio di Stato rinvia ogni decisione

giulietto-chiesa-web3.jpg

di Giulietto Chiesa - Megachip - 2 giugno 2008
Il Consiglio di Stato è un tribunale di ultima istanza amministrativa, un organo dello Stato dal quale ci si aspetta che faccia il suo dovere, cioè che decida e sanzioni.




Non è suo compito fare politica. Né è suo compito emettere verdetti salomonici, perché, come scrisse Gobetti, quando la verità sta tutta da una parte una decisione salomonica è altamente tendenziosa.

Ebbene il Consiglio di Stato della Repubblica Italiana continua a fare politica sulla scandalosa vicenda di Rete 4 e Europa Sette.

La sentenza non è stata ancora resa pubblica. E già questo è scandaloso, perché non vi è giustificazione a questo ritardo. Per cui dobbiamo ancora aspettare. Ma il testo reso pubblico ci costringe a rilevare contraddizioni evidenti. Che lasciano trasparire più politica che giurisprudenza. Da una lato si dice che il governo deve obbedire alla Corte Europea di Giustizia (atto del resto dovuto), mentre dall'altro si rinvia la decisione sui risarcimenti a Europa Sette per i danni che questa emittente ha già dovuto sopportare. E dal lontano 1999. Perché dovremmo aspettare fino al lontano 16 dicembre 2008? Mistero.

E si dice soprattutto che Rete 4 può continuare a occupare la frequenza analogica che illegalmente occupa. Un colpo al cerchio e dieci alla botte del governo di colui che possiede Rete 4.

Se poi la gente di questo disgraziato paese non ha fiducia nelle istituzioni dello Stato, di chi sarà la colpa?