Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giulietto Chiesa Lettera del Sig. Alberto Gangalanti

Lettera del Sig. Alberto Gangalanti

giuliettto-chiesa1.jpg

''Domande di riserva''
Buon giorno Giulietto,
Gira che ti rigira, gli interrogativi che alla fine persistono nel fegato di molte persone (sempre poche!) si possono riassumere in questo elenco:
-Osama Bin Laden è una creatura del Pentagono?



Stranamente i suoi messaggi sono sempre "in fase"con i programmi di Bush & Co.
-Come fa una compagnia aerea di bandiera ad essere in fallimento quando tutti si sbracciano per comprarsela? Questo vale per tutte le altre Aziende a partecipazione statale.
-Chi è realmente Silvio Berlusconi? E perchè non è in galera da un sacco di tempo?
-Se la morte di Lady Diana fu causata dal tentativo del suo driver di sfuggire ai paparazzi che li seguivano in moto, perchè non li hanno mai interrogati in proposito? (questa ce l'ha messa mia moglie).
-Se la difesa del valore della vita,intesa come dono del Signore, viene messa dalla chiesa come obbligo fondamentale e ineludibile, perchè Ratzinger non scomunica tutti i cattolici che continuano a far ammazzare e ad ammazzare gente nel mondo?
Per oggi basta così perché con le risposte, ove ce ne fossero, staremmo bene per i prossimi dieci anni.
Buon riposo in questi giorni di "festa"
Alberto Gangalanti



Giulietto Chiesa risponde

Caro Alberto,
lascio da parte Diana, con tante scuse a tua moglie, perchè non ne so niente e, francamente, non mi interessa niente, né della sua vita, né della sua morte. Ci sono molte altre morti, di cui non parliamo semplicemente perchè non ce le fanno vedere fino all'ossessione, come con quella di questa disgraziata.

Il resto mi pare chiaro: Osama bin Laden è un criminale che ha lavorato a più riprese con i servizi segreti americani e che, se è ancora vivo, collabora alle loro mistificazioni.

L'Alitalia è in fallimento più o meno come lo è l'Italia intera. L'Italia non si può vendere a nessuno, l'Alitalia sì. Per meglio dire l'Italia si è già venduta da tempo all'Impero e esegue fedelmente i suoi compiti in qualità di serva, ma non interessa come merce. L'Alitalia è invece interessante anche come merce. Il programma di risanamento avanzato da Air France potrebbero benissimo farlo gli esperti italiani onesti e capaci (che esistono, ma che sono allontanati dai ladri, dai corrotti, dai politici ladri e incompetenti). Quindi il problema è politico e non amministrativo e finanziario.

Quanto alle altre privatizzazioni, fatte in regime bipartisan dal centro destra e dal centrosinistra, sono tutte delle gigantesche truffe realizzate per consegnare i beni pubblici in mani private. Le banche rubano più di prima, la telefonia mobile e fissa è una rapina del secolo che si propone tutti i giorni; le poste private sono una vergogna sesquipedale.

Berlusconi dovrebbe essere in galera da tempo. Non c'è andato, e anzi è stato promosso a nababbo, dal centro sinistra che lo ha lasciato scendere in campo e poi gli ha lasciato tutte le tv che illegalmente si era preso. Non si fanno certe scalate se non si hanno complici in alto loco. E non li si lascia devastare il paese, economicamente e moralmente, se non si hanno interessi in comune con i devastatori. Ecco perchè non ho mai creduto alla favola del Babau Berlusconi, e continuo a non crederci neanche oggi. Per la semplice e banale ragione che chi ha fatto la bicamerale, chi non ha risolto il conflitto d'interessi, chi ha votato le avventure militari dell'Italia, chi ha votato l'indulto (sì anche Bertinotti?) è in combutta con il Babau.

Cari saluti
Giulietto Chiesa