Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giulietto Chiesa La TV russa e' piu' sovietica che mai

La TV russa e' piu' sovietica che mai

Indice
La TV russa e' piu' sovietica che mai
Pagina 2
Tutte le pagine

giuliettto-chiesa1.jpg

 
di Giulietto Chiesa - Megachip

Se c'è un posto e un momento in cui ancora si può vedere l'Unione Sovietica, viva e vegeta, anzi pimpante...

è la televisione russa - tutte le reti televisive russe all'unisono - in queste feste dei "Natali" e dei "Capo d'anni" occidentali e orientali. Noi ne abbiamo uno solo, per tipo, loro hanno tutto doppio, e festeggiano il doppio, mentre tutto è fermo fino al 14 gennaio. Giorni e giorni interi, ripieni come i pelmeni (ravioli russi) di canzoni russe cantate da artisti di tutte le quindici repubbliche, che non saranno più sovietiche ma che qui si presentano - e sono - "sorelle" come non mai, sedici anni dopo un divorzio che più strano non avrebbe potuto essere. Forse più "sorelle" adesso che mai prima, quando lo erano per forza. Sembra il festival di Sanremo dell'URSS, con la SofiaRotaru moldava che si alterna su tutte le reti alla russa Alla Pugaciova, un po' appesantite dagli anni ma arzille, applaudite e osannate dal pubblico della media età di nove fusi orari. E dietro di loro decine di cantanti, maschi e femmine, di tutte le repubbliche, giovani e meno giovani, complessi rock dalla Kirghizia, melodici dall'Uzbekistan, una fila di acclamati georgiani e georgiane, divi provenienti dalle steppe kazake e dalle montagne armene. Applausi fraterni per tutti e solo qualche leggero tocco di sarcasmo nei commenti sapientemente calibrati dei presentatori e presentatrici verso i baltici vicini e ormai lontanissimi. Tanto calibrati che non è difficile immaginare un sapiente lavoro redazionale dietro le quinte. Loro sì che went west (sono andati in occidente) , come suonava una canzone dei Pet Shop Boys. Il fatto, molto comico, è che in questo capodanno televisivo russo i Pet Shop Boys sono venuti anche loro all'est. E Laima Stanislavovna Vajkule, lettone classe 1954, è in fila per cantare, non in lettone ma in russo, anche per i russi del Baltico, abbarbicati agli schermi di Mosca con gli spasmi di nostalgia di chi sa bene che non si potrà più tornare indietro. La differenza, rispetto ad allora, è che allora la TV sovietica faceva spesso vedere e sentire canzoni in altre lingue sovietiche. Adesso non c'è più questo imbarazzo. È la Russia che canta e tutti le si inchinano. Anche perchè per decine, centinaia di artisti, musicisti, registi, scrittori, pittori, designers, stilisti - insomma adepti di tutte le muse ex sovietiche - è Mosca la capitale, e il russo la lingua comune. In fondo niente di più ovvio, perchè è la Russia dove lavorano, dove vendono le loro opere. E' in Russia che molti vivono stabilmente, o tornano molto spesso. E' la Russia che li ospita e li onora. E' perfino attraverso la tv e la radio russe che raggiungono gli spettatori dei loro paesi natii, anche loro in gran parte sintonizzati sulle stesse reti. Anche perché quei popoli sembrano ostinatamente mantenere gli stessi gusti di allora, gradire le stesse melodie e coltivare gli stessi sentimenti, malgrado il bombardamento di stili e contenuti occidentali cui sono stati sottoposti in questi sedici anni trascorsi. Certo l'occidente continua a restare sullo sfondo, come una meta, o un sogno, ma molte illusioni sono già svanite e, alla fin dei conti, nessuna tv europea o americana avrebbe posto per loro. Insomma Mosca è rimasta la loro stella polare e non poteva essere altrimenti. Anzi, i primi a capirlo sono stati proprio i nuovi "stranieri in patria": prima dei russi che, distratti, guardavano e ancora guardano a Londra e New York, senza rendersi conto che non c'è posto per loro nello show globale che si rinnova ogni giorno, vorticosamente, demolendo i miti del giorno prima con la furia iconoclasta della distruzione creativa. Cose incompatibili con lo spazio post sovietico, dove - come dice un antico proverbio siberiano - cento chilometri non sono distanza e cento anni sono solo un sospiro; dove tutto si conserva, magari arrugginito e impolverato, ma si conserva. Il politologo illustre - e ormai molto putiniano dopo essere stato un democratico durante la perestrojka - che mi guarda attraverso la tavola imbandita di una dacia di lusso dalle parti di Peredelkino, sbirciandomi tra una bottiglia di Moet Chandon e una di sovietskoe shampanskoe , sogghigna compiaciuto.