Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giulietto Chiesa Liberiamo Britel Abou El Kassim

Liberiamo Britel Abou El Kassim

giulietto_chiesa.jpg

13 marzo 2009
Lo scorso 11 marzo l’on. Giulietto Chiesa e altri parlamentari europei si sono rivolti a Franco Frattini per chiedere che il nostro governo si adoperi per la liberazione del cittadino italiano Britel Abou El Kassim, vittima di extraordinary rendition. Pubblichiamo di seguito la lettera inviata al ministro.




Strasburgo, 11 marzo 2009
Al Ministro degli Esteri
On. Franco Fattini

Egregio Sig. Ministro,
Facendo seguito al nostro scambio epistolare del giugno 2008, Le scriviamo per sollecitare un suo intervento risolutivo del noto caso di Britel Abou El Kassim, il cittadino italiano vittima di extraordinary rendition, attualmente detenuto senza alcuna ragione in Marocco.

Nella sua risoluzione del 14 febbraio 2007 il Parlamento Europeo aveva condannato “la consegna straordinaria del cittadino italiano Abou Elkassim Britel, che era stato arrestato in Pakistan nel marzo 2002 dalla polizia pakistana ed interrogato da funzionari USA e pakistani e successivamente consegnato alle autorità marocchine” e aveva invitato “il governo italiano a prendere misure concrete per la liberazione di Abou Elkassim Britel”.

Purtroppo a due anni di distanza da tale risoluzione, e nonostante le Sue personali rassicurazioni circa l'attenzione che il Suo ministero avrebbe prestato alla vicenda, nessun risultato tangibile è stato prodotto.

Anche alla luce del nuovo clima in tema di lotta al terrorismo determinatosi dopo l'elezione del presidente americano Barack Obama e della decisione da questi assunta nei confronti del carcere di Guantanamo, assurto a simbolo delle extraordinary rendition nel mondo, siamo quindi a chiederle che il Governo italiano compia finalmente i passi necessari a restituire al più presto la libertà ad un suo cittadino ingiustamente detenuto, risarcendo in minima parte lui e la sua famiglia della sofferenza fisica e psichica finora provati.

In attesa di un Suo riscontro, Le porgiamo cordiali saluti

On. Vittorio Agnoletto
On. Giusto Catania
On. Roberto Musacchio
On. Giulietto Chiesa
On. Vincenzo Aita
On. Luisa Morgantini
On. Claudio Fava
On. Marco Cappato
On. Umberto Guidoni
On. Pasqualina Napoletano
On. Armando Veneto