Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giulietto Chiesa La politica italiana ed europea in Medio Oriente

La politica italiana ed europea in Medio Oriente

Indice
La politica italiana ed europea in Medio Oriente
Pagina 2
Pagina 3
Tutte le pagine

giulietto-chiesa-web11.jpg

5 febbraio 2009 - Megachip
Intervento di Giulietto Chiesa, europarlamentare, all'assemblea organizzata a Roma da ISM-Italia e Forum Palestina



L’intervento di Ilan Pappé sgombra il terreno da molte delle questioni che io volevo proporvi.  La mia posizione, la nostra posizione, è quella di persone che vivono lontano dalla Palestina, in altri contesti. Noi non siamo là e dobbiamo chiederci cosa possiamo fare qui. E prima di tutto capire ciò che è accaduto, e se esso ha o no cambiato il nostro modo di valutare la situazione.
Concordo intanto, pienamente, con l'analisi di Pappé. Gli eventi di Gaza hanno messo di fronte a tutti noi la verità, e cioè che Israele è guidata da un gruppo criminale che non intende rinunciare a un centimetro quadrato di quella che loro chiamano la Galilea. Un gruppo di criminali che hanno l’appoggio – anche qui concordo pienamente con Pappé – della grande maggioranza della popolazione israeliana.  Questi sono i punti da cui dobbiamo partire anche noi.

Il massacro di Gaza ha un solo significato: se costoro vincono non ci sarà alcuno stato palestinese, né oggi né domani né mai.  A meno che Israele non sia costretta ad accettarlo sotto una forte pressione internazionale esterna. Questa ipotesi, tuttavia, è altamente improbabile, per non dire inesistente. Queste, in estrema sintesi, sono le coordinate realistiche del problema. Le élites europee sono state corresponsabili e complici della strategia americana e israeliana (sostanzialmente coincidenti) e non si sposteranno da questa posizione in un periodo di tempo prevedibile. Lo dico da osservatore ravvicinato dei comportamenti europei a Bruxelles. Israele continuerà dunque a martoriare il popolo palestinese occupandone il territorio, aumentando gli insediamenti, trasformando le zone occupate - come è stato qui descritto crudamente - in una prigione a cielo aperto. E dove la popolazione palestinese sarà costretta a misurare sulla sua pelle il livello di repressione cui sarà sottoposta, in proporzione diretta con la quantità di resistenza che sarà in grado di opporre alla violenza e al sopruso degli occupanti.

E' il ritratto di una pulizia etnica esercitata in modo sistematico.
Qui Ilan Pappé ci ha detto cose dalle quali è impossibile prescindere e senza le quali non si potrà definire un programma politico di sostegno al popolo palestinese. Tra queste una mi pare cruciale: non riusciremo ad aprire una breccia nella coscienza collettiva europea se non riusciremo a separare l'idea dell'olocausto dal problema palestinese.  Cioè se non riusciremo a smontare la più mostruosa delle manipolazioni sioniste, secondo la quale, per riparare alle colpe dell'olocausto, l'Europa deve consentire a Israele di realizzare la pulizia etnica definitiva della Palestina.  E' questo il nocciolo dell'ideologia sionista dei tempi moderni. Un segno genocidario che concede alle vittime di allora di diventare carnefici con la benedizione del mondo occidentale.

Possiamo accettare una tale mostruosa equazione, che getta su un popolo intero le conseguenze di una responsabilità alla quale è stato comunque estraneo, ma che scarica su noi europei la responsabilità di accettare un secondo olocausto, questa volta contemporaneo, di dimensioni minori solo perché i palestinesi sono meno degli ebrei di allora. Io ricordo spesso l'aforisma di Hans Magnum Enzensberger, uno scrittore tedesco: «ai tempi del fascismo noi non sapevamo di vivere ai tempi del fascismo». Temo proprio che stia accadendo esattamente la stessa cosa. Ai tempi di Gaza, dello sterminio di un popolo, che avviene sotto i nostri occhi, noi non sapevamo di stare ai tempi del fascismo.  O meglio noi che siamo qui lo sappiamo. Fuori da qui sono in pochi a saperlo, soverchiati da messaggi mediatici falsificati. Ma forse anche noi abbiamo capito solo alcune cose, mentre altre, più profonde e più inquietanti, ancora ci sfuggono.

Ecco io credo che molti di noi non abbiamo ancora ben compreso che anche noi, qui, siamo in pericolo. E che la nostra solidarietà con il popolo palestinese è in realtà anche una forma di autodifesa. Ecco il punto fondamentale, per giungere al quale si richiede un salto intellettuale Noi parliamo di solidarietà e di giustizia con e per il popolo di Palestina, ma in realtà dovremmo renderci conto che stiamo cercando di salvare noi stessi. Perché quello che sta accadendo in Palestina - e non è retorica, è l’analisi politica, cruda e fredda - è la guerra contro di noi.