Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Lettere & Comunicati Cosa nostra e la revisione dei processi

Cosa nostra e la revisione dei processi

giovanna_chelliweb2.jpg


di Giovanna Maggiani Chelli - 3 agosto 2008

Uno dei cinque punti dell’ormai famosissimo “papello” di Salvatore Riina, elenco di richieste allo Stato, era la revisione del processi.

 

Attraverso soggetti condannati per associazione mafiosa e attraverso stragi del passato , delitti per i quali del resto i rei sono a spasso, si tenta di dare alla mafia ciò che voleva con il tritolo di via dei Georgofili il 27 Maggio 1993 .
La revisione dei processi anche per mafia, sono l’ultimo baluardo da espugnare in quell’elenco di richieste mafiose che conteneva la “lista della spesa” di “cosa nostra” ,imposta sulla pelle dei nostri parenti.
Cosa strana però ,è che lo Stato non ha ancora risarcito le vittime di via dei Georgofili che sono andate in causa civile contro il boss dei boss.
Eppure era l’unica risposta seria da dare ai mafiosi:
- togliere loro i beni guadagnati sulla nostra pelle mentre andavano a braccetto con parte della politica , delle istituzioni , della classe dirigente dell’industria e delle gerarchie ecclesiastiche, per darci una migliore qualità di vita viste le conseguenze che abbiamo pagato per questo Paese, che fa finta di nulla e parla del sesso degli angeli.