Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Lettere & Comunicati Chi si mangia i soldi dei beni confiscati alla mafia?

Chi si mangia i soldi dei beni confiscati alla mafia?

maggiani_chelli.jpg


di Giovanna Maggiani Chelli*- 12 luglio 2008

Nell’Apprendere dalla voce del Procuratore Ingroia che  lo stragista di via dei Georgofili Matteo Messina Denaro  vive a Trapani e il tessuto mafioso trapanese ne coprirebbe la latitanza, ancora una volta gridiamo allo scandalo.


“Questi salteranno in aria disse Matteo Messina Denaro” guardando gli Uffizi a Firenze nel 1993 e così è stato.
Con l’Accademia di via dei Georgofili sono saltati in aria anche i nostri parenti,lo stragista di turno libero e uccel di bosco va  arrestato , gli vanno confiscati tutti suoi beni e quelli già confiscati vanno  tramutati in denaro sonante subito.
Le ultime confische a Matteo Messina Denaro ammontano a ben 300 milioni di euro, a noi il massacratore di via dei Georgofili  ne deve solo 13 milioni di euro a fronte delle cause  che abbiamo intrapreso in sede civile.
Chi si mangia i soldi dei beni confiscati alla mafia?
E’ vergognoso  che il Ministro dell’Interno attraverso i suoi funzionari  risponda che non ha soldi nel Fondo 512 legge del 1999, ed è costretto a liquidarci una elemosina simbolica a fronte di quanto ci deve e rimandare il saldo a tempi migliori ,se va bene fra tre anni.
Non possiamo più aspettare ancora ulteriori tre anni dopo 15 anni di tribolazioni, la mafia non ha fatto sconti a nessuno in questo Paese ,ma a Firenze ha superato se stessa perché non era sola.


*Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili