Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Lettere & Comunicati Micromega in edicola dal 27 giugno

Micromega in edicola dal 27 giugno

micromega-27-giugno-web.jpg


Da oggi è in edicola il nuovo numero di MicroMega. Sono due fascicoli al prezzo complessivo di 14 euro.





Il fascicolo monografico, "Olimpiadi e Libertà", è dedicato ai Giochi Olimpici di Pechino. Fra business e politica cosa resta dell'antico spirito agonistico? Ne fanno il punto i saggi di Candido Cannavò, Pietro Mennea, Gianluca Barca e Darwin Pastorin mentre Tommie Smith, il leggendario atleta americano nero che nel 1968 alzò il pugno chiuso al cielo - immagine che ha fatto il giro del mondo ed è rimasta l'icona di un'epoca - racconta le differenze fra gli atleti di allora e quelli che andranno quest'anno a Pechino. Della Repubblica Popolare e del suo regime che continua a calpestare i diritti civili, a incarcerare i dissidenti, a reprimere il popolo tibetano, soffocandone la protesta nel sangue, si occupano i testi di Federico Rampini, 04_08_cop_micromega_an.gifJean-Philippe Béja, Françoise Robin, Wang Chaohua e Yu Jianrong.

Ma non solo Olimpiadi, in un volume allegato non vendibile separatamente, MicroMega affronta i temi di attualità in Italia e non solo. Il fascicolo si apre con le "poesie incivili" di Andrea Camilleri, graffiante satira del nuovo governo Berlusconi e della (non) opposizione di Veltroni. Marco Travaglio torna sul caso Schifani e sui rapporti dell'attuale presidente del Senato con la mafia, Gianni Barbacetto sul caso dell'ex imam Abu Omar rapito in Italia dai servizi segreti americani con l'aiuto di quelli italiani, Bruno Tinti analizza le norme del nuovo "pacchetto sicurezza" e prefigura cosa succederebbe se venissero veramente applicate mentre Gian Carlo Caselli, nell'anniversario della strage di Capaci, fa un punto sugli interventi legislativi degli ultimi anni che delegittimano l'azione giudiziaria. Infine lo scrittore tedesco Peter Schneider in un diario del '68, un bilancio di illusioni e speranze.