Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Lettere & Comunicati Riapplicato il 41bis a "Fifetto" Cannella

Riapplicato il 41bis a "Fifetto" Cannella

logoasstrageviageorgofili.jpg

 

Non si è potuto provare che Cristofaro Cannella
fosse presente fisicamente
a Firenze la notte del 27 Maggio 1993,

ma “Fifetto” è sicuramente uno degli uomini di “cosa nostra” che ha partecipato alla campagna stragista del 1993 . Non essere presente in uno dei luoghi delle stragi , per noi non vuol dire nulla , comunque “Fifetto” Cannella lo abbiamo sempre ritenuto colpevole della morte dei nostri parenti e oggi colpevole delle disgrazie di vita dei nostri invalidi. Revocare il 41 bis a “Fifetto” Cannella lo stragista, terrorista ,eversivo del 1993 sarebbe stato uno scandalo ,così come lo fu quando fu revocato il 41 bis a Cosimo Lo Nigro e Salvatore Benigno. Per fortuna il “41 bis” a “Fifetto Cannella”, sia pure in un primo tempo revocato, è stato poi riapplicato, perché le Istituzioni questa volta sono state attente e sensibili al problema. Il Ministro della Giustizia, a questo punto, non con belle parole e false speranze , bensì con un atto concreto ,si impegni e ponga fine all’affronto in atto verso i nostri parenti morti e rimasti feriti nell’attentato del 27 Maggio 1993. Il Ministro, Decreti , una volta per sempre, che i mafiosi stragisti, eversivi ,terroristi del 1993 devono rimanere a “41 bis”.

Giovanna Maggiani Chelli
Assoiciazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili