Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Lettere & Comunicati Il signor Gelli quando afferma 'le stragi ci sono sempre state', dice una cosa gravissima.

Il signor Gelli quando afferma 'le stragi ci sono sempre state', dice una cosa gravissima.

maggiani-chelli-giovanna-web.jpg

di Giovanna Maggiani Chelli - 1 Novembre 2008
Non è vero che quando esplosero le bombe del 1993 , in questo Paese mancava l’ordine.

Le forze di polizia e carabinieri funzionavano eccome, tant’è che poche ore dopo gli attentati mafiosi, dal ministero usci la nota: “è stata la mafia”.
Il problema era più grave, istituzioni deviate, affaristi criminali e settori deviati dell’economia e delle gerarchie ecclesiastiche, si erano colluse con “cosa nostra”, qui è nata la strage di Firenze del 27 Maggio 1993.
Il Signor  Licio Gelli quando afferma “le stragi ci sono sempre state”, dice una cosa gravissima, perché se sa qualcosa di più di quello che sappiamo noi parli, visto che è alla fine della sua vita, altrimenti taccia perché il suo qualunquismo ci offende.
Il vecchio Gelli non sa nulla di ciò che voglia dire patire una strage.
Lui di stragi non ne ha mai patite.
Ci risparmi l’ironia becera e spicciola.
Dopo di che non si schieri con nessuno, in difesa di nessuno, o dovremmo pensare davvero che questa sua uscita pubblica nel giorno dei Santi, abbia un secondo fine, perché noi da 15 anni stiamo aspettando i “nomi dei “mandanti esterni alla mafia” per la strage di via dei Georgofili del 27 Maggio 1993.