Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Marco Travaglio Diversamente altruista

Diversamente altruista

marco_travaglio2web.jpg

di Marco Travaglio - 23 maggio 2008
Berlusconi che fa una legge per salvare un’altra volta Rete4: chi l’avrebbe detto. La costernazione serpeggia in Parlamento, insieme all’incredibilità per il tentativo di mandare in prescrizione il processo Mills, sfumato grazie alla fiera resistenza di Maroni. Non può essere, dev’esserci un equivoco.

Ma come: lo statista che vuole passare alla Storia, il De Gaulle reincarnato, il gigante della politica che ha risolto in una conferenza stampa le piaghe della monnezza e dell’insicurezza, il campione del dialogo delle riforme, il Cavaliere trasfigurato col quale avviare una nuova era, il protagonista del «ritorno dello Stato» che dà una «scossa benefica» alla «politica intesa come iniziativa di governo» e al «ripristino dell’autorità politica di pari passo con il
principio di legalità e di responsabilità» (Stefano Folli, Sole-24 ore), il decisionista che «rompe col passato» e incarna la «voglia di Stato» e «non ammette l’apparenza di cedimenti» (Massimo Franco, Corriere della Sera), ecco: possibile che un pezzo d’uomo così si abbassi a firmare una leggina, anzi un codicillo per salvare i propri vili interessi, mettendo a repentaglio il proficuo dialogo con la fu opposizione? Ci dev’essere una spiegazione alternativa. Del resto, ha ben poco da dire chi ha governato negli ultimi due anni infischiandosene delle due sentenze della Consulta che impongono a Mediaset di scendere da tre reti a due, e poi fregandosene della sentenza della Corte europea che il 31 gennaio 2008 ha dichiarato illegittime le leggi (Maccanico e Gasparri) che consentono a Rete4 di trasmettere senza concessione, in un eterno regime transitorio fino all’avvento dell’ Era Digitale, cioè fino al 2012-2015, in barba ai diritti acquisiti da Europa7. Il bello è che il governo del Ritorno dello Stato e della Legalità dice di voler approvare la norma per evitare una procedura europea d’infrazione. E poi fa di tutto per beccarsene di nuove. Infatti, se la Maccanico e la Gasparri violavano «solo» le norme europee sulla concorrenza, la nuova Salva-Rete4 calpesta anche la sentenza della Corte di Lussemburgo, già fatta propria dalla Commissione europea presieduta dal noto bolscevico dc Barroso. Dunque è praticamente lettera morta, visto che la Corte europea ha già messo nero su bianco che le leggi nazionali in contrasto con quelle comunitarie vanno disapplicate (per esempio, dal Consiglio di Stato che dovrà presto pronunciarsi sui diritti violati di Europa7). Infatti «il diritto nazionale» va «rapida- mente adeguato al diritto comunitario» e non viceversa. Invece il governo del Ritorno alla Legalità fa il contrario: pretende di adeguare il diritto comunitario a quello italiano. Cioè alla nobile corrente di pensiero giurisprudenziale sorta anni fa nel cenacolo di Mediaset, grazie a giureconsulti del calibro di Confalonieri e Gasparri. Oltre alla sicura condanna a pagare multe salatissime (300 mila euro al giorno), per l’ennesimo sfregio ai diritti acquisiti dall’editore Di Stefano, il nuovo Salva-Rete4 ce ne garantisce almeno un’altra: quella, già minacciata dalla messa in mora del giugno 2006, perché la Gasparri chiude le porte del digitale terrestre a tutte le emittenti assenti dall’analogico. Che fa il governo? assicura a chi trasmette in analogico l’esclusiva sul digitale, tagliando fuori chi non è entrato, e dunque non entrerà mai, nemmeno con l’avvento della nuova tecnologia: le aziende già in analogico potranno convertire in digitale il doppio delle reti già accese. Cioè Rai e Mediaset passeranno da tre a sei ciascuna. E gli altri? Ciccia. Questo dice il testo della norma che rischia di minare il dialogo tra maggioranza e opposizione. Ma non si parli di legge ad personam. E non si dica che Berlusconi bada solo agli affari suoi. Sono termini fuori moda, legati alla stagione dell’antiberlusconismo, fortunatamente consegnata al passato. Se proprio si vuole polemizzare, si dica che il Cavaliere è un «diversamente altruista» e, per favore, si continui a dialogare.

Ora d'Aria

L'UNITA'