Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Marco Travaglio Balle spaziali ma garantiste

Balle spaziali ma garantiste

travaglio-marco-web10.jpg


di Marco Travaglio - 16 luglio 2010

Ogni giorno un nuovo scandalo. Dell'Utri mafioso anche in appello. Vecchie P2 e nuove P3 in azione. Ma ecco un libello che fin dal titolo mette il dito sulla vera piaga d'Italia: "Il morbo giustizialista" (Marsilio).
   


L'hanno scritto Giovanni Fasanella, giornalista di "Panorama", e Giovanni Pellegrino, avvocato, già senatore Ds, presidente della commissione Stragi e difensore di Previti: a loro avviso le anomalie italiane sarebbero i pm troppo indipendenti, il loro "indubbio accanimento" contro B. e una sinistra succube del "partito delle Procure" che, anziché separare le carriere come richiesto da Gelli, Craxi e B., si attarda in una "sterile" difesa della Costituzione. La parte più avvincente è quella che si addentra nella recente storia giudiziaria per avvalorare la tesi dei due Giovanni. Si parte dal "processo Mills in cui Berlusconi era imputato" (falso: è ancora imputato, congelato dal legittimo impedimento): "Qualsiasi persona dotata di un minimo di conoscenza della giustizia prevedeva che sarebbe andato in prescrizione" (falso: la prescrizione sarebbe scattata nel 2014, ma fu retrodatata al 2009 grazie alla legge ex Cirielli approvata dall'imputato B.). Altra rivelazione: "Nessuna iniziativa delle Procure contro Berlusconi è mai arrivata a una sentenza di condanna, nemmeno di primo grado" (falso: B. fu condannato in primo grado tre volte, nei processi Macherio, All Iberian e Guardia di Finanza).

Per far saltare la Bicamerale, il pm Gherardo Colombo l'avrebbe "paragonata sul "Corriere della Sera" addirittura al Piano di rinascita nazionale di Gelli" (falso: il Piano era di rinascita democratica e Colombo nell'intervista non vi accennò neppure). Ancora: il governatore abruzzese Del Turco e il sindaco pescarese D'Alfonso furono "arrestati, costretti alle dimissioni e abbandonati" dal Pd, poi si scoprì che per il primo "le accuse erano del tutto inconsistenti" e il secondo era "del tutto estraneo" (doppio falso: Del Turco e D'Alfonso sono imputati in udienza preliminare). Pura psichedelia la caduta del secondo governo Prodi: tutta colpa dell'inchiesta Why Not del pm De Magistris, "che notificò a Prodi un clamoroso avviso di garanzia". Falso pure questo: non ci fu avviso di garanzia, Prodi fu soltanto iscritto nel registro degl'indagati nel 2007; il suo governo cadde nel 2008 quando il ministro Mastella, appena indagato a Santa Maria Capua Vetere con la moglie arrestata, fece il ribaltone.

Ma, secondo i due fantasiosi autori, "De Magistris fece in modo di essere ascoltato 17 volte dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere e di lì partì un avviso di garanzia per Mastella. Il quale si dimise, il governo andò in crisi, poi l'inchiesta finì in una bolla di sapone" (falso: De Magistris fu più volte sentito a Salerno, mentre l'inchiesta di Santa Maria sui Mastella & C. è in udienza preliminare a Napoli). E via delirando per 122 pagine. Ora, può darsi che i giustizialisti soffrano di un terribile morbo. Quel che è certo è che i garantisti stanno poco bene.

Tratto da:
espresso.repubblica.it