Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Marco Travaglio Il Ciarra del vincitore

Il Ciarra del vincitore

marco_travaglio.jpg

di Marco Travaglio
Dobbiamo fare una campagna elettorale per vincere. L’editore Ciarrapico ha giornali importanti a noi non ostili ed è meglio che continuino a esserlo, visto che tutti i grandi giornali stanno dall’altra parte». In un lampo di sincerità, il Cainano ha così illustrato le nobili ragioni ideali della candidatura Ciarrapico al Senato.



Mentre i soliti buontem- poni seguitano a sostenere che possedere tv non influenza le campagne elettorali, lui che se ne intende sa bene che le tv servono eccome, e persino i giornali. E non solo quelli grandi, notoriamente «tutti dall’altra parte». Ma anche Ciociaria Oggi, Latina Oggi, Nuovo Molise Oggi, Nuova Viterbo Oggi, Nuova Rieti Oggi, Fiumicino-Guido- nia-Ostia-Castelli Oggi: cioè i giornali del Ciarra, venduti «a panino» col Giornale di Berlusconi; pagati dai contribuenti a botte di 5 milioni l’anno; perlopiù intestati a prestanomi (dopo le condanne per bancarotta, è interdetto per 10 anni dalle cariche societarie). Pur di averli dalla sua, il Cainano passa sopra la camicia nera e la fedina ancor più nera dell’editore fascio- ciociaro. Perché i giornali, e a maggior ragione le tv, fanno la differenza. Su un solo particolare il Cavaliere mente: i giornali del Ciarra, prima della candidatura, erano ostilissimi al centrodestra. Un po’ di storia. Fino al 2005 l’ex andreottiano è vicino a An, viste le barcate di soldi che la giunta Storace dà alle sue cliniche, come racconta Lady Asl. Poi Storace cade in disgrazia (Laziogate). E qualcosa si rompe tra il Ciarra e la Cdl. All’inizio del 2007 Molise Oggi scatena una campagna di fuoco contro il governatore forzista Michele Iorio: tra le denunce c’è molto di vero (ora Iorio è indagato), ma il governatore si appella a Berlusconi perché revochi la vendita di Nuovo Molise in abbinata col Giornale. Forza Italia, tramite il sen. Claudio Fazzone, presenta un’interpellan- za al governo Prodi contro «i finanziamenti pubblici ricevuti dalle società Nuova Editoriale Oggi Srl e Ciociaria Oggi Srl, beneficiarie di euro 2.582.284,50 e 2.582.284,49 indirettamente gestite da tale Ciarrapico Giuseppe, personaggio ben noto tanto per le attività imprenditoriali dai futuri incerti, quanto per le innumerabili cronache giudiziarie alcune delle quali di particolare allarme sociale, acclarate dal giudice penale in via definitiva». La Procura di Roma apre un’inchiesta, ipotizzando che le due società siano in realtà la stessa cosa. Intanto, in rotta con la destra, il Ciarra s’affaccia a sinistra: nel marzo 2007 si presenta a sorpresa a un convegno al teatro Eliseo sul nascente Pd, elogiando le «menti illuminate» degli ex comunisti, soprattutto dell’amico Goffredo Bettini («straordinario cervello, un politico fine, colto, arguto») e del neogovernatore Marrazzo («sta lavorando bene»). Peste e corna, invece, del centrodestra: «Fini? Un ometto impettito e deprecabile, un islamico-sionista, un furbetto. Sempre detestato, An non esiste più, finita. La destra non esiste più e il resto della truppa non è diversa da Fini: Gasparri tiene famiglia, La Russa poi… Gli altri sono impresentabili… ’sta destra imbalsamata, ma chi la vole? È ’na monnezza». L’indomani spiega ai giornali le nobili ragioni ideali della sua presenza lì: «Sono un imprenditore del Lazio, l’editore di 11 quotidiani locali. All’Eliseo c’erano i rappresentanti di Regione, Comune e Provincia, un’ottima ragione per giustificare la mia presenza, no? E poi c’ho 5 cliniche a Roma e 2 a Fiuggi, mille posti letto…». In ottobre, mentre An prepara l’adunata del Colosseo, lui - proprietario di una storica tipografia a Cassino - tappezza Roma di manifesti con la foto del giovane Fini che saluta romanamente. Poi chiama Storace per rivendicare la bravata: «Hai visto che gli ho fatto?». Ora che la «monnezza» degli «impresentabili» lo fa senatore, è tutto dimenticato. Lui ha già riunito direttori e giornalisti delle 11 testate per dare la nuova linea. In un paese decente, se non estorsione, questo si chiamerebbe conflitto d’interessi e il Ciarra (insieme al Cainano) verrebbe respinto sulla soglia del Parlamento da una legge che lo costringerebbe a scegliere: o editore, o candidato. Da noi non solo non c’è la legge: manca proprio la parola. Infatti nessuno, nelle arrapanti polemiche su fascismo e antifascismo, ha evocato il conflitto d’interessi. Se non per ripetere, anche nel Pd, che «non è una priorità». Questo l’avevamo intuito, grazie.
UNITA 13 MARZO 2008