Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Opinioni Chiesa - 500 contro 500 mila

Chiesa - 500 contro 500 mila

Image

di Giulietto Chiesa - 17 ottobre 2011
Chi fossero non ha molta importanza, quei 500, o poco più, che hanno impedito al corteo dei 500 mila di giungere fino a piazza San Giovanni. Di estrema destra, di estrema sinistra, skinhead di ogni colore, giovani semplicemente arrabbiati, pasticcioni borderline con inclinazioni verso la “sindrome di Londra”...


...(sfascio tutto e mi porto a casa l’ iPad), sfondatori di bancomat e di distributori di benzina, incendiari di auto con l’idea che è così che si combattono le multinazionali, provocatori che giocano le loro partite su “suggerimenti” di non sappiamo chi. Insomma tutti abitanti di quella gabbia di matti in cui si sta trasformando questa società malata.

Certo che sono, per fortuna nostra, solo qualche centinaio. Per ora. Gli altri, i cinquecentomila che sono arrivati a Roma per dire che non vogliono pagare il debito, sono i rappresentanti di un’Italia che matta non è affatto e che sta velocemente prendendo coscienza del fatto che occorre organizzarsi per togliere il potere alla casta politica che ha tenuto bordone ai padroni della finanza internazionale e nazionale da cui è stata pagata.

Tutta l’Italia ha così visto solo i disordini provocati dai facinorosi e non ha visto i 500 mila che la rappresentavano assai meglio. Non è una novità. Vuol dire che il mainstream si conferma per quello che è: cieco di fronte alla realtà, e interessato solo allo spettacolo.

Ma i 500 mila restano. E, stando ai sondaggi, rappresentano l’80 % degli italiani. A occhio e croce anche degli europei e degli americani.

Vuol dire che le manifestazioni non cesseranno e, anzi, si estenderanno. E vorrà dire che dovremo tornare ai tempi gloriosi in cui i cortei si dotavano di un servizio d’ordine per proteggersi dagl’imbecilli e dai provocatori. Penso che sarà necessario perché la prevalenza del cretino (come scriveva il compianto professor Cipolla) è marcata, specie nei tempi di crisi. E questo lo si è visto bene sabato 15, quando la polizia ha mantenuto i patti con il corteo, e gli unici nemici che i 500 mila si sono trovati davanti avevano solo la divisa del cretino e portavano maschere e caschi per non farsi riconoscere.

Tratto da:
ilfattoquotidiano.it