Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Opinioni Cabras: Schiavi da mille euro al giorno

Cabras: Schiavi da mille euro al giorno

minzoli-berlusconi-web.jpg

di Pino Cabras - 13 marzo 2010
Quanto costa uno schiavo, nel 2010? Chi fissa il prezzo di riferimento? E cosa fa uno schiavo per il Padrone?





La cronaca degli ultimi scandali ci offre indizi. Prendete gli otto commissari dell'Agcom.

Ognuno di loro è pagato 397mila euro l'anno. Sono più di mille euro al giorno. La ragione, si fa per dire, di quest'aberrazione è che così possono essere più indipendenti. Mille euro al giorno per poter dire dei no.

Poi uno legge delle intercettazioni riferite a uno dei commissari, e scopre che le sue giornate sono scandite dalle telefonate del Caimandrillo, uno che dovrebbe temere i suoi controlli e che invece lo ossessiona per epurare Santoro o altri residuati del palinsesto non ancora normalizzati, oppure per piazzare attrici a lui gradite.

Che differenza ci sarà allora tra il commissario Agcom Giancarlo Innocenzi e l'ormai ex senatore Di Girolamo? Questi ha appena confessato di aver intascato un milione e seicentomila euro per i suoi servigi in favore di chi lo chiamava schiavo. Se dovevano bastargli per la parte rimanente della legislatura erano poco più di mille euro al giorno, anche qui. I prezzi sono quelli.

Intanto fai la bella vita, e all'Ossesso orwelliano-brianzolo cerchi di dire sempre di sì. Così come fa quel direttore di un fu telegiornale, Augusto Minzolini. Lui non è uno schiavo come gli altri. Lui costa di più. È più uguale degli altri. Sicuramente costa oltre ogni decenza al fu servizio pubblico, che pure di lacchè ne aveva visti. Ogni minuto in più di Minzolini al Tg1 sarà un minuto di schiavitù per lui, per l'informazione, e per i cittadini che pagano i prezzi, quando per vedere mille euro ci mettono un mese. Non dico di cacciarlo a pedate, il Minzolini, ma di cacciarlo sì, e subito.

Tratto da: megachip.info