Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News Contrada: no alla revisione del processo

Contrada: no alla revisione del processo

di Maria Loi - 7 ottobre 2008
Roma
. La quinta sezione penale della Cassazione ha bocciato la richiesta di revisione del processo all'ex numero due del Sisde Bruno Contrada avanzata dai suoi legali.
Contrada e' stato condannato a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Nella requisitoria scritta lo stesso sostituto procuratore della Cassazione Eugenio Selvaggi aveva richiesto di respingere l'istanza di revisione.
Il giorno prima Il Gip nisseno Ottavio Sferlazza aveva rigettato per la seconda volta la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Caltanissetta relativa all'esposto di Bruno Contrada.
Nella denuncia l'ex numero due del Sisde tendeva a dimostrare che contro di lui furono dette solo calunnie e falsità, da parte di “alcuni collaboratori di giustizia e di alcuni appartenenti alle forze dell'ordine'”.
Il 7 maggio scorso era stato sempre lo stesso Sferlazza a rigettare un'analoga richiesta del Pm e aveva disposto indagini per ulteriori 60 giorni, di seguito la Procura ha sollecitato nuovamente l'archiviazione del fascicolo.
Il Gip ha fissato quindi un'udienza camerale per il 5 di novembre alla quale, secondo i legali dello studio Lipera, potrebbe partecipare lo stesso ex 007.
Inoltre, la Suprema Corte ha disposto l’annullamento con rinvio dell’ordinanza con la quale il Tribunale della libertà di Napoli si è espresso negativamente per la richiesta di sospensione della pena, per un anno, per gravi motivi di salute, avanzata da Contrada. L’annullamento è da attribuire ad <<vizio di motivazione, poiché non spiega le circostanze concrete per le quali Contrada è da ritenersi tuttora pericoloso>>. Ora il Tribunale del riesame napoletano dovrà rivalutare l’istanza di Contrada attendendosi alle indicazioni che i giudici di Cassazione renderanno note.