Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News Il pentito Greco depone per la prima volta

Il pentito Greco depone per la prima volta

nino-di-matteo-web.jpg


di Dora Quaranta – 24 settembre 2008
Palermo.
Giacomo Greco ha risposto in videoconferenza alle domande del pm Di Matteo nel processo per il centro commerciale di Villabate. E’ la prima deposizione di Greco il quale ha scelto di collaborare con la giustizia.





Il pentito è il genero del boss di Belmonte Mezzagno Francesco Pastoia, uno dei fedelissimi di Provenzano morto suicida in carcere il 28 gennaio 2005.Greco ha raccontato che faceva da autista al suocero accompagnandolo ad incontri con altri mafiosi. <<Ricordo – ha detto il pentito – incontri con Raffaele Ganci, con Pietro Aglieri e Carlo Greco. Greco doveva fare anche da padrino di cresima di mia moglie Lucia, ma poi fu arrestato e non potè venire in chiesa>>. Giacomo Greco ha ammesso di aver visto diverse volte a Palermo Provenzano e di averlo incontrato spesso nella casa di Pastoia a Belmonte: <<quando a Pastoia revocarono la patente, era Provenzano a guidare>> ha aggiunto. Provenzano, sempre secondo il racconto del pentito, mise pace tra Pastoia e Benedetto Spera in forte contrasto tra loro: <<Quando Benedetto Spera tentò di uccidermi nel 2000 – ha spiegato - io e Pietro Pastoia, il figlio del boss, fummo costretti ad andare via dalla Sicilia. Dopo due anni ci fu detto che saremmo potuti ritornare. Provenzano aveva sistemato tutto>>.
Per quanto riguarda gli affari della famiglia di Belmonte il più importante era la distribuzione delle Pagine Gialle. A questo affare avrebbe dato un contributo anche Giuseppe La Mantia e qualche boss catanese. C’erano poi le macchinette per i videopoker: <<Nel 1999 – ha detto Greco - iniziammo a imporre le slot a bar e locali di Belmonte, Misilmeri, Marineo e Villabate. I gestori degli esercizi dovevano consegnarci il 50% degli incassi mensili. Se si rifiutavano di installare le macchinette dovevano comunque pagare il pizzo>>.
Sul centro commerciale di Villabate fu Pastoia a dire a suo genero che in quel lavoro avrebbero avuto una parte ovvero la gestione di negozi e bar.  Fu sempre Pastoia ad informare Giacomo Greco che si stava organizzando il viaggio di Provenzano a Marsiglia per un intervento chirurgico.