Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News Processo Cuffaro, il verdetto previsto in autunno

Processo Cuffaro, il verdetto previsto in autunno

cuffaro-salvatore-web4.jpg

di Silvia Cordella - 13 maggio 2010
La sentenza del processo che si sta celebrando in abbreviato a carico dell’ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, sarà emessa in autunno.




Lo ha deciso stamattina il Gup Vittorio Anania che ha reso noto il calendario delle prossime udienze assegnando alle parti, “per par condicio”,  tre giorni ciascuna per discutere i loro argomenti. Il 10 giugno inizierà così la requisitoria dei pm Nino Di Matteo e Francesco Del Bene che continuerà il 17 e il 24 dello stesso mese, mentre l’arringa del Collegio che difende il Senatore inizierà il 30 settembre, subito dopo l’interruzione delle vacanze estive. Il Giudice inoltre ha accolto le istanze dei Pubblici Ministeri che, alla scorsa udienza, avevano richiesto l’acquisizione di atti processuali e intercettazioni relativi al processo “Talpe”. In tutto 27 faldoni contenenti la sentenza di primo e secondo grado a carico di Cuffaro, l’esame dibattimentale dell’imprenditore di Bagheria, condannato a 14 anni per associazione mafiosa, Michele Aiello e le intercettazioni del Ros registrate durante la campagna elettorale del 2001 a casa del medico e capo mandamento di Brancaccio Giuseppe Guttadauro. Infine le trascrizioni delle conversazioni captate dagli inquirenti dell’ex maresciallo dei carabinieri Antonio Borzacchelli (condannato per peculato e rivelazione di segreto d’ufficio), all’epoca dei fatti in aspettativa in quanto candidato e poi eletto deputato regionale grazie a una lista satellite dell’Udc creata appositamente dall’ex Governatore per facilitarne l’elezione ed assicurarsi così una sorta di protezione dalle indagini della Procura di Palermo. Il Senatore Cuffaro, anche oggi, era presente all’udienza.