Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News Dopo anni fatta luce sull'omicidio di famoso chirurgo

Dopo anni fatta luce sull'omicidio di famoso chirurgo

camice-sangue-web.jpg

di Dora Quaranta - 1 ottobre 2009
Palermo.
E’ stata resa finalmente giustizia al chirurgo Sebastiano Bosio ucciso da Cosa Nostra il 6 novembre 1981.





La mafia per 28 anni ha infamato il suo nome creando la storia che Bosio avesse curato il killer Salvatore Contorno. Anche se le prove raccolte dai magistrati non sono sufficienti per avviare un procedimento in Corte d’Assise tuttavia rimane l’importanza della conclusione a cui sono giunte le nuove indagini.
Il sostituto procuratore Lia Sava e l’aggiunto Ignazio De Francisci hanno riaperto il fascicolo in seguito ad un esposto della famiglia del noto chirurgo. Hanno rilasciato importanti dichiarazioni i collaboratori Francesco Di Carlo, lo stesso Salvatore Contorno, Francesco Onorato. Contorno ha affermato di non aver mai conosciuto il dottor Bosio. Secondo Di Carlo l’omicidio fu compiuto “per il cattivo trattamento” riservato da Bosio ad alcuni mafiosi. Inoltre il pentito ha aggiunto che c’era un medico alle dipendenze di Bosio che “mi portava i saluti di Vittorio Mangano, ricoverato in reparto”. Si tratta di un medico che partecipò a Londra al matrimonio di Jimmy Fauci insieme ad illustri boss palermitani. Una ipotesi elaborata dagli inquirenti sostiene che il chirurgo a causa della sua intransigenza fosse rimasto isolato nel suo ambiente di lavoro. Alcuni testimoni hanno raccontato che qualche giorno prima della sua morte Bosio era rimasto turbato in seguito ad una telefonata ricevuta da Beppe Lima direttore sanitario del Civico e fratello del politico democristiano.