Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News '' Onorata Sanita' '': rinviati a giudizio Mimmo e Antonio Crea

'' Onorata Sanita' '': rinviati a giudizio Mimmo e Antonio Crea

crea-domenico-web.jpg

di Aaron Pettinari - 29 gennaio 2009
Reggio Calabria
. A partire dal prossimo 30 marzo innanzi ai giudici della seconda sezione del Tribunale di Reggio Calabria avrà inizio il processo che vede imputati, tra gli altri, anche l’ex consigliere regionale Domenico Crea e suo figlio Antonio. Entrambi sono accusati di concorso esterno in associazione mafiosa, abusi e truffe. In aggiunta Mimmo Crea dovrà rispondere anche di interposizione fittizia.

La decisione è stata presa qualche giorno addietro dal gup della distrettuale di Reggio Calabria, Paolo Ramondino, al termine dell’udienza preliminare del procedimento nato dall’inchiesta “Onorata Sanità”. Decisione che arriva immediatamente a seguito della sentenza della Corte d’Appello che ha dichiarato inammissibile la richiesta di ricusazione del giudice fatta dall’ex consigliere regionale. L’inchiesta “Onorata Sanità” riguarda presunti intrecci tra politica e ‘Ndrangheta nella gestione del settore sanitario, ed è stata condotta dai pm Marco Colamonici a Mario Andrigo. Altre persone coinvolte nel procedimento e che hanno chiesto il rito abbreviato sono Alessandro e Giuseppe Marcianò, imputati anche nel processo per l’omicidio del vice presidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno, Giuseppe Panzera, medico e genero del boss di Africo Nuovo Giuseppe Morabito, e Leonardo Gangemi, direttore amministrativo dell’ospedale di Melito. Saranno sentiti nel prossimo febbraio.