Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
News ''Tufiata'' di Ciaculli: Giovannello Greco non ha sparato

''Tufiata'' di Ciaculli: Giovannello Greco non ha sparato

lipari-pino-web0.jpg

di Dora Quaranta - 20 gennaio 2009
Palermo
. Giovannello Greco non ha preso parte al tentato omicidio di Pino Greco “Scarpuzzedda” il giorno di Natale dell’82 in piazza Ciaculli. Lo ha chiarito la Corte d’Appello di Catania venerdì scorso che con apposita sentenza ha dichiarato l’assoluzione con formula piena di Giovannello Greco dalle accuse di tentato omicidio e detenzione di arma.




Resta però confermata la condanna di associazione mafiosa. I magistrati catanesi hanno quindi parzialmente annullato la sentenza del maxiprocesso che aveva condannato Greco a 27 anni di detenzione. La difesa di Greco per dimostrare l’estraneità del loro assistito alla “tufiata” di Ciaculli ha prodotto nuove prove: la testimonianza del pentito Gaetano Grado e la sentenza di assoluzione del processo “Tempesta”. Grado, sentito in aula il 26 settembre scorso, si è autoaccusato del tentato omicidio: “Giovannello non c’entra – ha detto il collaboratore – a Scarpa sparai io, ma purtroppo le cartucce del fucile erano bagnate e non riuscii a ucciderlo”. La sentenza del processo “Tempesta” evidenzierebbe che Giovannello Greco lasciò la Sicilia nel 1981 per vivere ininterrottamente in Spagna fino al 1997 l'anno del suo arresto.