Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Primo piano Intercettazioni: noi scioperiamo cosi'

Intercettazioni: noi scioperiamo cosi'

bavaglio-web3.gif

di AMDuemila - 8 luglio 2010 - SPECIALE INTERCETTAZIONI ALL'INTERNO!
Scioperare o non scioperare. In effetti al giorno d’oggi è un bel dilemma. L’obbrobrio del ddl intercettazioni che in un sol colpo truffaldino mira a svuotare due degli articoli fondamentali della nostra Costituzione (la legge uguale per tutti e la libertà di informazione) impone senza dubbio una reazione.


Siamo già stati in piazza Navona per protestare tra la gente fedele a quei valori e sempre più lontana da tutti i partiti, vissuti con fastidio e disgusto, e vogliamo unirci al dissidio generale previsto per il 9 luglio prossimo.
La nostra voce non è di certo potente, ma è sempre stata limpida e ferma. In questi nostri primi dieci anni di vita, nell’assordante silenzio del grande mainstream mediatico, che sui fatti di mafia è sembrato ridestarsi dal sonno solo ora, abbiamo seguito con scrupolo processi, indagini, operazioni di polizia, inchieste. Studiando le carte, seguendo i dibattimenti, ricostruendo la storia e le storie dei mafiosi e del sistema criminale che li ha assorbiti, intervistando magistrati e addetti ai lavori. E, quando se ne è presentata l’occasione, anche contribuendo concretamente all’accertamento della verità, soprattutto sulle stragi e sui mandanti che sono stati sempre al centro della nostra attenzione.
Viene da sé che questo ddl ci impedirebbe completamente di svolgere il nostro lavoro così come lo abbiamo concepito e svolto dall’inizio del nostro cammino. Basta con la pubblicazione degli atti, con la trascrizione delle intercettazioni, con le analisi giornalistiche basate sulle ipotesi investigative che generano le domande più importanti. Basta soprattutto con il nostro aperto sostegno al lavoro dei pochi, pochissimi, magistrati ma non solo, che lottano per restituire al Paese e alle vittime dei crimini di Stato giustizia e dignità.
Per questo domani, 9 luglio, noi faremo così: ripubblicheremo tutte le intercettazioni telefoniche e ambientali più importanti contenute nei nostri pezzi e non, a partire dalla prima versione cartacea di ANTIMAFIADuemila e che riguardano sia gli affari di criminalità organizzata che il coinvolgimento di politici e imprenditori. E rinvieremo anche ai link degli articoli che le contenevano così da restituire a voi lettori, come sempre, un quadro completo del contesto in cui si inseriscono, e del quale, se passasse questa legge, non potreste avere la più pallida idea.
Quindi ANTIMAFIADuemila continuerà a fare ciò che ha sempre fatto: leggere, approfondire, informare, abbracciando la disobbedienza civile se sarà il caso, pur di onorare quel senso di Stato, di giustizia, uguaglianza e libertà per cui i nostri Eroi hanno dato la vita.