Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Giorgio Bongiovanni Andremo in galera

Andremo in galera

censura-web2.jpg

di Giorgio Bongiovanni - 21 maggio 2010
Il ddl sulle intercettazioni, in discussione presso la Commissione Giustizia del Senato, potrebbe essere approvato da un momento all'altro. E se tutto andrà come il dittatoriello che governa il nostro Paese vorrebbe, per i giornalisti che non accetteranno il bavaglio le pene saranno durissime.



Ieri, dopo una riunione con il ministro della Giustizia Alfano e con il presidente della Consulta Giustizia del Pdl Ghedini, ha dichiarato Roberto Centaro per stemperare le polemiche, si sarebbe “presa la decisione” di ritirare l'emendamento 1.2008. Quello “che prevede un raddoppio delle pene per i giornalisti che pubblicano arbitrariamente atti di un procedimento penale”. E sul punto “ci potrebbe essere un ripensamento della maggioranza”. Decisione che potrebbe essere presa lunedì, “quando riprenderà il dibattito in commissione al Senato”.
Nel frattempo, interviene Italo Bocchino, anche se “vietare di parlare del tutto dell'inchiesta fino alla chiusura delle indagini preliminari” sarebbe “una forzatura”, “vietare la pubblicazione dell'intercettazione fino all'udienza preliminare – sottolinea – è un fatto di grandissima civiltà”.
Opinione condivisa dalla maggior parte degli esponenti politici, presidente del Consiglio in primis, che tra mille stop and go e sotto gli occhi di tutti stanno tentando di colpire in ogni modo la libertà di stampa.

Noi di ANTIMAFIADuemila, cari lettori, vi informiamo che se questa legge infame dovesse alla fine passare al Senato non esiteremo a disubbidire. E se verremo in possesso di intercettazioni telefoniche registrate nell'ambito di inchieste in corso le faremo conoscere, le pubblicheremo e affronteremo, se necessario, i processi e anche il carcere.
Un avvocato dall'aspetto fragile, ma dall'animo potente, diceva che contro i dittatori è necessaria una rivoluzione civile, non violenta.
Quell'uomo si chiamava Gandhi e noi, come lui, quella rivoluzione civile la inizieremo. Senza violenza e senza armi, ma lottando con la penna e con la voce.
Che lo sappia Berlusconi, che lo sappiano Cosa Nostra e i politici corrotti.
Le notizie continueremo a farle conoscere.
Noi disubbidiremo!