Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Nicola Tranfaglia Tranfaglia - Stato, mafia e classe politica

Tranfaglia - Stato, mafia e classe politica

tranfaglia-nicola-web15.jpg

di Nicola Tranfaglia - 9 luglio 2011
Se qualcuno mi viene a raccontare che le trattative tra mafie e Stato sono state l’invenzione di una procura “rossa”  e che, nella nostra storia anche recente, non c’è stato mai nulla di simile, avrò la forte tentazione di rispondergli male, magari con una imprecazione.



Basta guardare cosa sta succedendo in questi giorni nelle aule giudiziarie e nei palazzi del potere per rendersi conto che quella è stata una verità storica, di cui purtroppo troppi italiani non riescono a prender coscienza.
Non abbiamo soltanto un ministro, il siciliano Saverio Romano, imputato per associazione esterna a Cosa Nostra, dopo che il sette volte presidente del Consiglio Giulio Andreotti è sfuggito al carcere soltanto grazie alla prescrizione giudiziaria dopo i processi degli anni novanta.
Ne abbiamo altri due ministri, prima Scaiola e oggi Tremonti, interrogati dalle procure perché hanno acquistato o abitano case pagate da altri. E abbiamo un consigliere politico, l’onorevole Milanese, vicino al superministro dell’Economia, che si fa ristrutturare gratuitamente una casa nel centro di Roma da un’impresa edile amica dello stesso Milanese o di chi altri non sappiamo.
Nello stesso tempo ci sono i vertici della Guardia di Finanza, il corpo che si dedica agli accertamenti tributari dei cittadini normali, che è attraversato da lotte senza esclusioni di colpi che prevedono la diffusione di segreti di stato e altre piacevolezze necessarie a chi condivide il potere del leader populista autoritario.
Quei vertici, a quanto pare, si dividono tra una cordata che fa capo al potente Gianni Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, e l’altra che si riferisce al ministro dell’Economia.
La lotta è aspra e non sappiamo quale delle due cordate prevarrà anche se ormai i rapporti diretti tra Tremonti e Berlusconi sono così peggiorati che il ministro teme addirittura che il leader applichi a lui i noti metodi applicati qualche tempo fa al dissidente Fini e poi al malcapitato direttore dell’Avvenire Dino Boffo.
Del resto quando un ciclo di potere sta per chiudersi e un sistema complessivo di potere  entra in crisi- come sta avvenendo sicuramente dopo diciassette anni per il longevo berlusconismo - non c’è da stupirsi che i tecnici servano meno e che i capri espiatori diventino utili e addirittura preziosi nella speranza di allontanare l’inevitabile esito negativo.
Perciò in questo momento è importante che le forze del centro-sinistra non si facciano saltare i nervi, utilizzino tutte le risorse culturali e politiche di cui dispongono per prepararsi ad affrontare il confronto indispensabile per mandare i populisti all’opposizione e a lavorare, con le idee chiare, per la rinascita dell’Italia.
Se non ora quando, è il caso ancora di dire.