Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Nicola Tranfaglia Segreti di Stato

Segreti di Stato

tranfaglia-nicola-web4.jpg

di Nicola Tranfaglia - 12 agosto 2010
Da tre anni (12 ottobre 2007) è in vigore una legge discutibile che dà al capo del governo italiano la competenza, di fatto esclusiva, per "l'apposizione e la tutela del segreto di Stato." L'ascesa al potere per la terza volta di Silvio Berlusconi nell'aprile 2008 ha segnato per gli italiani la chiusura totale d'ogni speranza di togliere il segreto di Stato sulla stagione dei terrorismi e delle stragi che hanno insanguinato la storia dell' Italia repubblicana in 70 anni di storia, provocando centinaia di morti e migliaia di feriti.


Dall'eccidio di Portella della Ginestra all'assassinio di Aldo Moro, dalla strage di Bologna a quella di piazza della Loggia Brescia. Qualche giorno fa Berlusconi non ha voluto neppure essere presente, né ha inviato uno dei suoi ministri a Bologna, dove pure migliaia di italiani, venuti da tutto il paese, hanno ricordato gli 85 morti di quel 2 agosto 1980.

E' un chiaro segnale, per un capo del governo che qualcuno ha definito ormai "un morto che cammina", di indifferenza e di disprezzo per tutte le vittime e rivela l'atteggiamento ambiguo di un politico che ha sempre preferito le logge massoniche e le cricche di affari ai confronti fatti alla luce del sole, in parlamento o nelle piazze.

Ma, per fortuna degli italiani, sta ormai arrivando la fine del dominio politico e culturale del leader populista. La maggioranza parlamentare, assai ampia dopo le elezioni poliche del 2008, si è ormai dissolta e il governo dovrà fare i conti ogni giorno con la scissione di Fini e con l'opposizione di centro-sinistra che ha nell'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro la sua punta di diamante. L'Italia è l'unico paese democratico in cui il segreto di Stato nasconde ancora vicende che hanno caratterizzato a lungo la nostra storia e che devono essere chiarite per mettere in luce le responsabilità di classi dirigenti che si sono opposte, e che ancora si oppongono, ai principi fondamentali della Costituzione repubblicana del 1948. Cioè alle libertà politiche, civili ed economiche, all'eguaglianza tra i cittadini, alla giustizia sociale.

Negli Stati Uniti, per una decisione della presidenza Clinton, ormai da oltre un decennio ogni quattro anni vengono desecretati materiali scottanti che si riferiscono al comportamento dei governi negli anni settanta, ottanta e novanta del Novecento.

In Italia non sappiamo ancora chi ha sparato a Portella della Ginestra nè chi è stato il mandantedella bomba alla stazione di Bologna. Dobbiamo far di tutto affinchè Berlusconi finisca di governare, coprendo gli assassini, e che chi andrà al governo si impegni a togliere il segreto sulle stragi e i terrorismi del Novecento e restituisca agli italiani la legalità, dando ai parenti delle vittime la giustizia cui hanno diritto.

E' una speranza importante per chi crede ancora nella possibilità di cambiare l'Italia e di farla diventare un paese civile e moderno

Tratto da:
nicolatranfaglia.com