Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Nicola Tranfaglia Tranfaglia: Il cielo e' sempre piu' nero

Tranfaglia: Il cielo e' sempre piu' nero

tranfaglia-nicola-web1.jpg

di Nicola Tranfaglia - 21 dicembre 2009
E' fatale che la politica di oggi in Italia come altrove abbia un doppio piano ma nel nostro paese questo doppio piano risponde a una tradizione antica e consolidata. Così sul Giornale della famiglia Berlusconi leggiamo gli insulti dell'on. CicchItto e le liste di proscrizioni degli oppositori che non piacciono al Cavaliere come se a lui spettasse non  solo governare ma anche scegliere chi gli si oppone.


Che è veramente il senso del regime populistico autoritario che tenta di sostituire la democrazia parlamentare ancora presente nella costituzione del 1948. Ed è qui lo scontro che si svolgerà nelle prossime settimane tra chi rinuncia al dettato costituzionale e chi vuole mantenerlo ad ogni costo. I primi saranno accettati da Berlusconi e ammessi al cosiddetto dialogo, i secondi saranno scacciati e considerati pazzi o estremisti.

Per capire questo dilemma che percorre oggi la politica italiana bisogna leggere l'articolo che ha scritto venerdì scorso il 18 dicembre il luogotenente in carica del PDL Denis Verdini sul "Giornale": "adeguare la costituzione scritta a quella materiale, cambiare il sistema di elezione del Consiglio Superiore della Magistratura e della Corte Costituzionale, riformare la giustizia separando le carriere dei magistrati inquirenti da quelli giudicanti; concentrare nella figura del premier tutti i poteri dell'Esecutivo e sancire che tutti gli altri poteri sono tenuti a collaborare lealmente con lui perché lui solo è l'eletto dal popolo e quindi investito della sovranità che dal popolo emana:"

Questo è un progetto lucido, chiaro e radicalmente contrario alla lettera e allo spirito della costituzione repubblicana, giacchè, la carta fondamentale afferma senza possibilità di equivoci che la sovranità emana dal popolo ma si esercita da parte degli eletti "nelle forme e nei limiti espressi dalla costituzione e dalle leggi." Se si elimina questa indicazione, si esce dalla democrazia rappresentativa e si va al populismo nella versione adottata da Berlusconi in Italia. Chi nell'opposizione non si rende conto di questa realtà commette un grave errore di cui tutti saremmo chiamati a pagare il prezzo. Ma pochi sembrano rendersene conto e il piano va avanti, anche se manca ancora oggi quella maggioranza dei due terzi di voti in parlamento che sono in grado di far la legge costituzionale ed evitare il successivo referendum popolare.

Ed è questa l'unica,vera speranza che resta a chi non accetta il populismo autoritario e continua ad aver fiducia negli italiani almeno quando dovranno affrontare il referendum sul progetto costituzionale Verdini-Berlusconi. Staremo a vedere ma l'atmosfera è sempre più cupa. Si va dal furto della scritta nazista all'ingresso del  campo di Auschwitz che hanno fatto risorgenti gruppi delinquenziali  all'annuncio della beatificazione di Pio XII da parte dell'attuale pontefice Benedetto XVI. Beatificare il papa romano che nulla ha detto di fronte alla barbarie nazista è un oggettivo oltraggio non soltanto agli ebrei massacrati nei lager nazisti ma a tutti quelli che sono morti nella seconda guerra mondiale opponendosi alle potenze dell'Asse e in particolare alla Germania di Hitler e all'Italia fascista.

Tratto da: nicolatranfaglia.com