Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Salvatore Borsellino L'estrema ignominia

L'estrema ignominia

borsellino-salvatore-web9.jpg

di Salvatore Borsellino - 20 agosto 2009
E' inaudito che un individuo condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa ed attualmente sotto processo per la conferma in secondo grado della suddetta condanna abbia l'impudenza di proporre una commissione d'inchiesta sulle stragi del '93. Maggiani Chelli: ''Commissione su stragi? Massacro alla verita'''



Sono ormai passati 17 anni dalle stragi del '92 e del '93 e durante questi anni l'unica attività da parte del sistema di potere nato da quelle stragi è stata quella di favorire l'insabbiamento, il depistaggio e il blocco delle indagini della magistratura quando il livello di indagine  superava quello non valicabile dei semplici manovali del crimine.

Oggi, proprio nel momento in cui finalmente dei magistrati coraggiosi, a Palermo e a Caltanissetta, stanno squarciando il velo sulle reali responsabilità di quelle stragi, proprio una di quelle persone che era stato indagato come facente parte dei mandanti occulti delle stesse stragi si fa avanti per proporre una commissione d'inchiesta parlamentare che a questo punto è lampante che non possa avere altro scopo che quello di bloccare anche questo estremo tentativo da parte della Magistratura di arrivare alla Verità e di rendere Giustizia ai martiri di quelle stragi.
Noi ci opporremo con tutte le nostre forze a questa ignobile manovra, mobiliteremo l'opinione pubblica e la Società Civile, andremo fin sotto i palazzi del potere a manifestare contro questo ennesimo tentativo di occultare le responsabilità di parti dello Stato nella progettazione e nella esecuzione di quelle stragi.
Quella stessa Agenda Rossa che abbiamo levato in alto marciando a Palermo fino al Castello Utveggio sarà il simbolo della nostra RESISTENZA e della nostra volontà di lottare fino all'ultimo respiro a sostegno dei magistrati onesti, per la GIUSTIZIA e per la VERITA'.
Non  permettermo che altri magistrati vengano uccisi, ne fisicamente ne con le armi delle ispezioni, dei trasferimenti e della sottrazione delle inchieste.
Lotteremo fino all'ultimo perchè questo non avvenga. Noi non vogliamo che il nostro paese sia sempre più sommerso dal puzzo del compromesso e della complicità vogliamo che i nostri giovani, i nostri figli possano finalemente sentire quel fresco priofumo di libertà per cui altri magistrati, altri poliziotti hanno sacrificato la loro vita.
Sono questi i nostri eroi, coloro che hanno osato proclamare eroe un criminale come Mangano devono essere cacciati fuori dalle Istituzioni non proporre commissioni d'inchiesta per insabbiare ancora una volta quelle stragi come mandanti delle quali essi stessi sono stati indagati.

Tratto da: 19luglio2009.com


ARTICOLI CORRELATI:

-
Il megalomane e lo stratega. Progetti d'autunno - di Redazione

- Maggiani Chelli: ''Commissione su stragi? Massacro alla verità'' - di Giovanna Maggiani Chelli