Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
AD commenta False informazioni, false guerre

False informazioni, false guerre

redazionecommenti.jpg

di redazione -28 agosto 2008
Venti di guerra soffiano sul mondo. La crisi tra Georgia, Ossetia del Sud e Russia sta divenendo ogni giorno più drammatica. E mentre infuriano le polemiche i due eserciti più potenti del mondo, quello russo e quello americano stanno dispiegando armi e scudi, finte navi di aiuti che invece sono di guerra e lanciamissili con testate nucleari multiple.

E’ una follia il solo pensare di poter prendere una posizione a favore dell’uno o dell’altro, ma la propaganda e la disinformazione stanno spostando l’opinione pubblica, soprattutto quella europea, contro la Russia, cioè contro la potenza in questo momento più potente e più vicina.

E’ stato fatto credere a tutto il mondo che a dare inizio al conflitto sia stata la Russia invadendo la Georgia. In realtà come si è appreso solo in seguito e sicuramente con il minimo risalto possibile a dare il via alle ostilità è stata la Georgia che ha attaccato l’Ossezia del Sud. In Italia il primo a chiarire la reale dinamica di questi tragici avvenimenti è stato Giulietto Chiesa di cui vi invitiamo a leggere gli scritti nel nostro sito (link) seguito poi, tra gli altri pochissimi, dall’ex presidente dell’Unione Sovietica Michael Gorbaciov (link).

La Russia dal canto suo non ha esitato a mostrare a tutto l’Occidente che è tornata ad essere una potenza economica e militare autosufficiente sotto tutti i profili e che non ha bisogno di nessuno. Da sola, con le sue risorse energetiche e le sue armi, è in grado ed è pronta a ricominciare la guerra fredda e calda se la costringeranno. E tanto per far capire che non scherza ha riconosciuto l’indipendenza dell’Ossetia del Sud e dell’Abkahzia provocando il disappunto dell’Europa unita sempre contro i suoi interessi e sempre prona ai dettami degli Usa. Il rischio per noi tutti di ritrovarci trascinati in una guerra senza sapere il perché o meglio avendo, ancora una volta, come è successo per l’Iraq e l’Afghanistan, una motivazione falsa e falsata sta diventando davvero molto alto e preoccupa enormemente.

Così come è più che allarmante il programma di riforma della giustizia già annunciato dal premier Berlusconi facendo ricorso anche lui alla scuola di pensiero della disinformazione. Questa volta ha persino pensato di scomodare Giovanni Falcone. Siamo ai paradossi. Colui che è stato indagato assieme al degno compare Marcello Dell’Utri nell’ambito dell’inchiesta sui mandanti esterni proprio a quelle stragi che hanno cambiato l’assetto politico del nostro Paese si permette di sporcare il nome di quegli ultimi eroi civili che avevano restituito un po’ di dignità allo Stato italiano ora precipitato nel degrado più assoluto. Ricordiamo perché non se ne parla mai, non se ne è parlato mai più, quanto scrissero i giudici in quella sentenza di archiviazione e vi rimandiamo all’articolo integrale consultabile per tutti nel nostro sito. "Accertati i rapporti tra società del gruppo Fininvest e Cosa Nostra"

 

“Sebbene non sia stato possibile provare il nesso tra le stragi e i due onorevoli indagati, il gip  Giovanbattista Tona scrive:

“Gli atti del fascicolo hanno ampiamente dimostrato la sussistenza di varie possibilità di contatto tra uomini appartenenti a Cosa Nostra ed esponenti e gruppi societari controllati in vario modo dagli indagati. Ciò di per sé legittima l’ipotesi che, in considerazione del prestigio di Berlusconi e Dell’Utri, essi possano essere stati individuati dagli uomini dell’organizzazione quali eventuali nuovi interlocutori». Rileva inoltre che «tali accertati rapporti di società facenti capo al gruppo Fininvest con personaggi in varia posizione collegati all’organizzazione Cosa Nostra, costituiscono dati oggettivi che - in uno agli altri elementi relativi ai contatti e alle frequentazioni di Dell’Utri con esponenti della stessa cosca - rendono quanto meno non del tutto implausibili né peregrine le ricostruzioni offerte dai vari collaboratori di giustizia, esaminate nel presente procedimento in base alle dichiarazioni dei quali si è ricavato che gli odierni indagati erano considerati facilmente contattabili dal gruppo criminale; vi è insomma da ritenere che tali rapporti di affari con soggetti legati all’organizzazione abbiamo quantomeno legittimato agli occhi degli «uomini d’onore» l’idea che Berlusconi e Dell’Utri potessero divenire interlocutori privilegiati di Cosa Nostra».

 

Ad ognuno di noi non spetta altro che fare il proprio dovere, il nostro è quello di informare.