Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
AD commenta Comunicato stampa

Comunicato stampa

penna-che-scrive.jpg

di Giorgio Bongiovanni - 27 aprile 2008
Grande preoccupazione alla notizia della microspia trovata a palazzo di giustizia di Reggio Calabria, all'interno di un ufficio utilizzato dal dott. Nicola Gratteri.
Si tratta di un avvenimento gravissimo che avalla una volta di più come l'Italia sia un Paese a democrazia bloccata.Una democrazia bloccata da un sistema di poteri che mira a destabilizzare l'equilibrio interno al fine di agevolare la criminalità organizzata.


Fino a quando i veleni del passato si ripeteranno, saremo destinati a rivivere quanto vissuto da uomini come Falcone e Borsellino nella totale impunità.
Siamo di fronte alla spudorata manifestazione di forza di un potere che si serve di quei servizi segreti che “deviati” non sono?
Chi mette una microspia per carpire i segreti su indagini delicatissime non è solamente un soldato della 'Ndrangheta. Si infiltra nella 'Ndrangheta, nella Cosa Nostra, tratta con le istituzioni. Le istituzioni, i servizi segreti, si infiltrano e si fanno infiltrare.
Il ritrovamento di questa microspia può esserne la prova tangibile.
A chi premeva conoscere in anticipo le indagini relative alla compravendita dei voti all'estero che hanno visto il coinvolgimento del sen. Dell'Utri e le altre indagini che sta conducendo il dottor Gratteri?
Stesso discorso per le indagini sul sen. De Gregorio, così come quelle sulla strage di Duisburg e quant'altro.
Altre menti interessate al di là della 'Ndrangheta.
Di fronte ad un simile scenario non c'è alcuna speranza di via di uscita per la nostra democrazia fino a quando non si farà luce su questi “ibridi connubi” di poteri.
Fino a quando le istituzioni saranno infettate da questo cancro non ci sarà possibilità di vittoria. Tutta la nostra solidarietà e sostegno al dott. Nicola Gratteri e a chi come lui si batte contro questo “sistema” con l'auspicio di poter proseguire nel suo lavoro per il futuro della nostra democrazia.

Giorgio Bongiovanni
direttore responsabile di ANTIMAFIADuemila e tutta la redazione