Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
AD commenta L'amico dell'assassino

L'amico dell'assassino

marcello_dellutri.jpg

di Giorgio Bongiovanni e Redazione
Mentre, a 8 anni dalla sua morte, Vittorio Mangano è ancora al cospetto del Padre Eterno, impegnato a rispondere dei tanti crimini commessi in vita per conto di Cosa Nostra, sulla Terra il suo amico Marcello Dell'Utri lo difende, come un vero e proprio avvocato del diavolo.



Vittorio Mangano era stato infatti condannato, da più di una sentenza, per associazione mafiosa, per traffico di droga e altri crimini e su di lui gravava un ergastolo per due omicidi di mafia.
Anche su Marcello Dell'Utri pesa una sentenza di condanna, seppur in primo grado, per concorso esterno in associazione mafiosa.
Marcello Dell'Utri: attenti a quell'uomo!
E il perché lo dimostreremo nel prossimo numero della rivista ANTIMAFIADuemila.

Le farneticazioni dell'On dell'Utri condannato in primo grado a 9 anni per concorso esterno in associazione mafiosa si commentano da sole.
Siamo di fronte a dichiarazioni pericolose di una persona che, come riporta la motivazione della sentenza, "ha rafforzato Cosa nostra" e la sua condotta è stata quella "di tramite tra gli interessi della mafia e quelli di Berlusconi".
Dichiarazioni che vanno bloccate prima che siano attuate.
Per quanto riguarda gli sproloqui contro i magistrati dell'On Berlusconi ci auguriamo che il popolo italiano, come disse due anni fa il sindaco di Londra Ken Livingston, " decida di consegnare Silvio Berlusconi al cestino della storia, da cui non sarebbe mai dovuto emergere''.

Giorgio Bongiovanni
ANTIMAFIADuemila