Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Ndrangheta Processo ''Crimine'': ''Da boss la conferma dell'unitarieta' delle cosche''

Processo ''Crimine'': ''Da boss la conferma dell'unitarieta' delle cosche''

E-mail Stampa PDF
27 settembre 2011
Reggio Calabria.
Le parole dei boss della 'ndrangheta videoripresi dai carabinieri il primo settembre 2009, per la prima volta nella storia, nella «riunione» annuale dei capi...
  

...nei pressi del Santuario di Polsi, «ci hanno consegnato, in modo chiaro, univoco, non contestabile la loro stessa piena e certa consapevolezza di essere e fare parte tutti della stessa organizzazione mafiosa, una, sola, unitaria, la 'ndrangheta».
Così il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Michele Prestipino, ha iniziato la requisitoria nel processo con rito abbreviato a 118 imputati coinvolti nell'inchiesta Crimine, condotta nel luglio dello scorso anno dalle Dda di Reggio e Milano con l'arresto di oltre 300 persone. Una requisitoria, quella dell'accusa, che andrà avanti per almeno un paio di mesi, occupando otto o nove udienze del processo, nel corso della quale parleranno tutti i magistrati che hanno seguito il caso. Al termine le richieste saranno fatte dal procuratore aggiunto Nicola Gratteri. Una 'ndrangheta, quella che emerge dalle parole dei boss, ha aggiunto Prestipino, «con i suoi problemi interni, i suoi rapporti con le molteplici proiezioni e le articolazioni radicate nel nord Italia ed all'estero, e con il sistema delle sue 'relazioni esternè, quelle con il mondo 'altrò, il mondo non mafioso, che costituisce uno dei punti di forza della 'ndrangheta, come di ogni altra organizzazione di tipo mafioso». Prestipino ha anche sottolineato come gli elementi di prova evidenziano «tre distinti aspetti della questione centrale: l'esistenza della 'ndrangheta come organizzazione di tipo mafioso unitaria, insediata sul territorio della provincia di Reggio Calabria; l'esistenza di un organo di vertice che ne governa gli assetti, assumendo o ratificando le decisioni più importanti; l'esistenza di molteplici proiezioni di cui la più importante è 'la Lombardià, secondo il modello della 'colonizzazionè, ed i rapporti tra la casa madre e tali proiezioni 'esternè».

ANSA