Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Giustizia in Italia Mafia: procuratore Caltanissetta, su via D'Amelio per giudici valida nostra impostazione

Mafia: procuratore Caltanissetta, su via D'Amelio per giudici valida nostra impostazione

E-mail Stampa PDF
27 ottobre 2011
Palermo.
''La Corte d'Appello di Catania ha ritenuta valida la nostra impostazione per la richiesta di revisione per il processo della strage di via D'Amelio, e lo dimostra la sospensione...
  ...della pena di 8 imputati condannati. 
Non ci sorprende invece l'inammissibilita' della revisione perche' i giudici hanno aderito ad un'orientamento giurisprudenziale della Cassazione''. Lo ha detto all'Adnkronos il procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari commentando la decisione della Corte d'Appello di Catania di dichiarare inammissibile la richiesta di revisione del processo per la strage Borsellino ma di sospendere anche la pena per 8 imputati. ''Era una decisione che attendevamo nei termini in cui e' stata presa, ecco perche' non ci sorprende -ha aggiunto Lari- questa decisione accredita l'impostazione della Procura di Caltanissetta recepita dal procuratore generale. Nella richiesta inviata al pg noi abbiamo incluso nella documentazione una memoria in cui abbiamo ricostruito i passaggi del processo Borsellino uno e Borsellino bis alla luce dei nuovi collaboratori tra cui Gaspare Spatuzza''.
Il procuratore nisseno Sergio Lari parla di una ''complessa attivita' di ricostruzione per ricomporre un puzzle con tessere false e tessere mancanti. I giudici di Catania hanno quindi ritenuta valida la nostra impostazione''.
La revisione e' stata dichiarata inammissibile dalla Corte d'Appello di Catania perche' i giudici si sono adeguati alla giurisprudenza secondo cui in presenza di una sentenza definitiva, qual e' quella di via D'Amelio, affinche' si possa celebrare un nuovo processo occorre un'altra sentenza definitiva che accerti la responsabilita' di persone per calunnia, come in questo caso.

Adnkronos