Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Giustizia in Italia Mafia: pentito Lo Verso, dopo le stragi Dell'Utri contatto' uomini Provenzano

Mafia: pentito Lo Verso, dopo le stragi Dell'Utri contatto' uomini Provenzano

E-mail Stampa PDF
25 ottobre 2011
Palermo.
Dopo le stragi mafiose del 1992 in cui morirono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino Marcello Dell'Utri si sarebbe messo in contatto con gli uomini di Bernardo Provenzano.
  A raccontarlo in aula, al processo Mori a Palermo, è il pentito di mafia Stefano Lo Verso che lo avrebbe appreso dallo stesso capomafia Provenzano tra il «giugno e il luglio del 2004». «Dell'Utri aveva preso il posto di Salvo Lima», ha aggiunto ancora Lo Verso, come avrebbe appreso da Provezano. Alla domanda del pm Nino Di Matteo su fu Dell'Utri a cercare gli uomini di Provenzano o viceversa il collaboratore ha risposto: «Per quello che mi diceva Provenzano il contatto è sempre il politico a cercarlo con il mafioso e successivamente c'è lo scambio di cortesie». In cambio, secondo Lo Verso, nel 1994 Cosa nostra avrebbe fatto votare Forza Italia. «Me lol disse Provenzano - ha detto il pentito - che nel 1994 fece votare lui per Forza Italia in Sicilia».

Adnkronos


MAFIA: PENTITO LO VERSO, PER PROVENZANO LO STATO SA CHI HA VOLUTO LE STRAGI DEL '92

25 ottobre 2011
Palermo.
«Lo Stato lo sa chi ha voluto le stragi mafiose del '92». Lo avrebbe confidato il capomafia Bernardo Provenzano al pentito di mafia Stefano Lo Verso nel luglio del 2004, quando l'allora 'picciottò di Cosa nostra curava la latitanza del boss. «Si lamentava che non vedeva la moglie da tre anni e che non conviveva con lei da dodici anni. Quando gli chiesi perchè - riferisce - mi rispose: 'per colpa di altri. Le stragi sono state la rovina. In pochissimi sappiamo la verità: io, il mio conpaesano Riina, Andreotti e altri due che sono morti. Lima che è stato ucciso, per paura che non sopportasse il peso e Vito Ciancimino che probabilmente è stato ucciso pure».

Adnkronos