Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Cultura Parole di Pippo Fava: ''I mafiosi stanno in Parlamento, sono a volte ministri, sono banchieri...''

Parole di Pippo Fava: ''I mafiosi stanno in Parlamento, sono a volte ministri, sono banchieri...''

E-mail Stampa PDF

fava-giuseppe-web.jpg

In memoria di un uomo libero

di
Giorgio Bongiovanni - 5 gennaio 2011
Oggi ricorre il ventisettesimo anniversario dell’omicidio di Pippo Fava assassinato da Cosa Nostra a Catania, il 5 gennaio 1984, con il beneplacito connivente dei mandanti esterni, quel grumo di potere politico-imprenditoriale che il suo giornalismo libero e impegnato osava sfidare.

Anche a costo di sembrare ripetitivi riproponiamo la sua ultima e profetica intervista rilasciata ad un altro grande del giornalismo italiano: Enzo Biagi.
Dopo tanti anni non possiamo che fare nostre le sue parole e testimoniare come e quanto siano state precise e reali nell’indicare in Cosa Nostra un potere che va molto al di là di quello che la solita propaganda vuole far credere all’opinione pubblica.
Cosa Nostra era ed è tuttora un comodo braccio armato e un braccio economico di una parte dello Stato che con la mafia, con le mafie ha scelto di convivere.
A futura memoria e con profondo rispetto ricordiamo quest’altro grande italiano sperando di onorarne l’esempio nella quotidianità delle nostre scelte.

Giorgio Bongiovanni


L'INTERVISTA INTEGRALE DI ENZO BIAGI A GIUSEPPE FAVA






ARTICOLI CORRELATI

- Giuseppe Fava un romantico guerriero - di Anna Petrozzi e Giorgio Bongiovanni

- Giuseppe Fava una necessità precisa di eliminarlo
di Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo

- Sulle orme di Fava… una scelta di vita