Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Cronache in Italia Don Ciotti: ''Sit-in Libera a casa Di Landro''

Don Ciotti: ''Sit-in Libera a casa Di Landro''

E-mail Stampa PDF

ciotti-luigi-web21.jpg



26 agosto 2010
Roma.
'Libera', l'associazione contro le mafie, questa sera, alle 18,30 organizza un sit-in davanti alla casa del Procuratore Di Landro, luogo dell'attentato...



...«invitando le forze sane della città a essere presenti, per esprimere un segno di sentita vicinanza e partecipazione all'istituzione intimidita, e per ribadire la ferma volontà di combattere e sconfiggere la criminalità organizzata». Lo annuncia don Luigi Ciotti, presidente di 'Liberà che definisce la bomba contro Di Landro un «episodio gravissimo che colpisce Reggio Calabria nelle sue più alte istituzioni. È un segno inquietante, che va colto e approfondito in tutte le sue dinamiche». «Da parte nostra, come Libera -prosegue - sentiamo che non basta esprimere ancora una volta la pur doverosa solidarietà. È oggi più che mai necessaria la corresponsabilità. Il cambiamento ha bisogno del 'noi', del contributo di tutti. Si fonda su un impegno quotidiano dal quale nessuno deve ritenersi esente». «Da tempo la 'ndrangheta ha eletto i magistrati a rango di nemici. Ma i loro nemici sono nostri amici. E per questo - dice il sacerdote - che l'attentato al procuratore è anche un segnale di debolezza. Siamo sulla strada giusta perch‚ altrimenti gli uomini della 'Ndrangheta non avrebbero bisogno di colpire. Loro preferiscono fare affari e arricchirsi piuttosto che piazzar bombe se non fosse strettamente necessario». «Siamo certi che il lavoro della Procura, dei magistrati e di tutti gli operatori delle istituzioni, assieme all'impegno responsabile dei cittadini, delle oltre 60 associazioni, gruppi, movimenti, laici e cristiani riunite in ReggioliberaReggio, dei tanti amministratori e sindaci seri, onesti che nella trasversalità, con competenze e riferimenti diversi - aggiunge don Ciotti - alimentano la speranza e insieme possono isolare la criminalità mafiosa ed ogni forma di violenza».

ANSA