Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Puglia Faida Gargano: latitante scrive a giudici e Gazzetta

Faida Gargano: latitante scrive a giudici e Gazzetta

E-mail Stampa PDF

scrivere-web0.jpg

11 luglio 2010
Foggia.
«Sono innocente. Mi perseguitano», «chiedo un processo giusto»: così scrive dalla latitanza, in una lettera inviata ai giudici e...
  




...alla Gazzetta del Mezzogiorno, l'ergastolano Franco Libergolis, di 32 anni, elemento di spicco della mafia garganica, inserito nell'elenco dei 100 ricercati più pericolosi d'Italia.
La notizia è riportata oggi dalla Gazzetta del Mezzogiorno. La cattura di Franco Libergolis è uno degli obiettivi principali dei carabinieri e della polizia di Foggia, da tempo alle prese con la guerra di mafia che insanguina il Gargano, ritenuta la conseguenza della rottura tre le famiglie Libergolis e Romito, un tempo amiche e alleate. Nell'ambito di questa guerra dall'aprile del 2009 a oggi si contano sei omicidi e due agguati falliti. L'ultimo omicidio è avvenuto a Manfredonia il 30 giugno: venne ucciso Leonardo Clemente, parente dei Libergolis. E proprio per far fronte a questa situazione domani si terrà a Manfredonia un vertice sulla sicurezza presieduto dal ministro Maroni. Franco Libergolis è ricercato da circa 16 mesi, dopo essere stato scarcerato nell'estate del 2008 per decorrenza dei termini di carcerazione preventiva nel maxi-processo alla mafia garganica. «Sto scrivendo questa missiva - scrive a penna Libergolis - per chiedere aiuto come cittadino italiano al presidente Napolitano, al ministro Maroni». A Napolitano e Maroni il latitante chiede aiuto affinchè «guardino attentamente - scrive - al mio processo che sto svolgendo in corte d'assise d'appello di Bari, che soprattutto venga svolto correttamente perchè fino ad oggi, e sono più di sei anni, è stato svolto come un libero convincimento e senza guardare se ci sono prove a mio carico». Libergolis, prosegue prendendo poi le distanze «da tutti questi brutti crimini che stanno succedendo a Manfredonia e a Monte Sant'Angelo». Franco Libergolis - condannato al carcere a vita quale mandante di un omicidio - è fratello di Armando e Matteo (detenuti e condannati a 27 anni a testa per mafia, droga ed estorsioni nel maxi-processo). È il figlio di Pasquale, ucciso il 15 giugno del '95 davanti casa a Monte Sant'Angelo ed è nipote di Ciccillo Libergolis, il patriarca della faida, ucciso a 66 anni a Monte lo scorso 26 ottobre. È inoltre cugino di Leonardo Clemente, il 33/enne sorvegliato speciale ammazzato lo scorso 30 giugno a Manfredonia nel bar dove lavorava.

ANSA