Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Puglia Faida Gargano: indagini su omicidio boss Manfredonia

Faida Gargano: indagini su omicidio boss Manfredonia

E-mail Stampa PDF

polizia-web31.jpg

28 giugno 2010
Foggia.
Indagini ed interrogatori, sui quali viene mantenuto il massimo riserbo, sono in corso da parte di personale della squadra mobile...
  




...della questura di Foggia per identificare i responsabili dell'omicidio di Michele Romito, di 23 anni, ucciso ieri sera a colpi di mitraglietta alla periferia di Manfredonia. L'uomo è figlio di Franco Romito un allevatore di 43 anni ucciso, insieme al suo autista Giuseppe Trotta, in un agguato il 21 aprile del 2009. Nell'agguato di ieri sera è rimasto ferito anche lo zio di Romito, Mario Luciano, di 43 anni, che ha riportato una lieve ferita al volto e guarirà in pochi giorni. I due, secondo la ricostruzione fatta dalla polizia, erano a bordo di una 'Lancia Y', guidata dal giovane, e percorrevano la strada che conduce a San Giovanni Rotondo quando la loro vettura è stata affiancata dalla vettura dei sicari che hanno sparato numerosi colpi. Romito è considerato dagli investigatori capo del clan che da anni si contrappone a quello dei Libergolis nella 'cruentà faida del Gargano;: questo è l'11/o omicidio dall'inizio dell'anno. Nel maxi processo del 2004 - che ha portato a 46 condanne e 61 assoluzioni - è emerso che la famiglia Libergolis era il 'braccio armatò dell'organizzazione e i Romito riciclavano il danaro derivato dalle illecite attività. Sempre nel corso del maxi processo, nel quale sono stati condannati esponenti della famiglia Libergolis, è emerso che alcuni componenti della famiglia Romito sarebbero stati confidenti dei carabinieri consentendo così di raccogliere prove contro i Libergolis e farli arrestare. Da qui - secondo gli investigatori - le lite tra le due famiglie inizialmente alleate.

ANSA