Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Calabria Maxi confisca beni per 200 mln a cosca Alvaro

Maxi confisca beni per 200 mln a cosca Alvaro

E-mail Stampa PDF


25 luglio 2011
Reggio Calabria.
Beni per 200 milioni di euro, tra cui il 'Cafè de Paris' e il ristorante 'Georgès' di Roma, sono stati confiscati alla cosca Alvaro di Sinopoli.

Il tribunale di Reggio Calabria, sezione misure di prevenzione, su richiesta del Procuratore Antimafia, Giuseppe Pignatone, ha disposto la confisca di 15 tra imprese e ditte individuali operanti principalmente nel settore dei servizi della ristorazione. Oltre ai due locali romani sono stati confiscati quattro immobili di pregio, tre autovetture di lusso, oltre a rapporti bancari, postali, assicurativi e denaro contante. La Procura e la Guardia di Finanza, nell'arco degli ultimi 24 mesi, hanno sviluppato specifiche indagini tecniche, investigazioni finanziarie e bancarie, nonchè informazioni tratte da segnalazioni di operazioni sospette, provenienti dagli intermediari finanziari.

ANSA


Confiscato Cafe' de Paris, vale 55 mln euro

25 luglio 2011
Reggio Calabria.
Il Cafè de Paris, il noto locale di via Veneto confiscato stamane dalla Guardia di Finanza, insieme ad altri beni riconducibili alla cosca Alvaro, ha un valore commerciale, secondo gli investigatori, di 55 milioni di euro. Il bar-ristorante risulta di proprietà della società «Cafè de Paris», con sede a Roma, in via Crescenzio 82, ma, in realtà, sarebbe stato nella disponibilità di affiliati alla cosca degli Alvaro di Cosoleto (Reggio Calabria) della 'ndrangheta. Il Cafè de Paris era stato sequestrato esattamente due anni fa nel corso di una operazione congiunta di Guardia di finanza e carabinieri del Ros. Un altro noto locale della capitale che è stato sequestrato, nell'ambito della stessa operazione, il ristorante Georgès è di proprietà ufficialmente della «Georgès Immobiliare e di gestione Srl», con sede a Roma in via Marche 7, ed ha un valore commerciale, sempre secondo gli investigatori, di 50 milioni di euro.

ANSA