'Ndrangheta: Dia confisca beni per 50 mln a imprenditore

Stampa

dia-web23.jpg

19 maggio 2011
Reggio Calabria.
Beni per un valore di 50 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia ad un imprenditore...
    




...di Polistena, legato, secondo gli investigatori, a cosche della 'ndrangheta.
Tra i beni confiscati figurano aziende, terreni, automezzi personali ed aziendali e conti correnti riconducibili all'imprenditore o ai suoi familiari. I beni oggetto della confisca, disposta dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale, erano stati sequestrati nel 2007 su proposta del direttore della Dia. Adesso è giunta la confisca al termine degli accertamenti compiuti dal Centro operativo di Reggio Calabria della Dia dai quali sarebbe emersa la provenienza illecita dei primi capitali investiti dall'imprenditore. L'uomo è rimasto coinvolto, nel 2007, nell'operazione Arca che aveva portato all'arresto di 15 esponenti di cosche delle province di Reggio Calabria e di Vibo Valentia, accusati di essersi infiltrati negli appalti e nei subappalti per i lavori di ammodernamento di alcuni tratti dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria.

ANSA


Imprenditore condannato in primo grado

19 maggio 2011
Reggio Calabria.
È stato condannato in primo grado ad otto anni ed otto mesi di reclusione, l'imprenditore cui la Dia ha confiscato stamani beni per un valore di 50 milioni si euro. Si tratta di Salvatore Domenico Tassone, 63 anni, legato, secondo gli investigatori alle cosche Longo e Versace di Polistena e, per vincoli di parentela, al gruppo Ierinò di Gioiosa Ionica per essere il consuocero di Vittorio Ierinò. Tassone era stato arrestato il 9 luglio 2007 nell'ambito dell'operazione Arca su presunte infiltrazioni delle cosche della Piana di Gioia Tauro negli appalti e nei subappalti per i lavori di ammodernamento di alcuni tratti dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria tra gli svincoli di Mileto e Rosarno. Nel dicembre del 1994 Tassone, mentre viaggiava in auto insieme al figlio, fu ferito in un agguato compiuto da tre persone armate di fucili caricati a pallettoni.

ANSA