Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Calabria 'Ndrangheta: restano in carcere presunti autori bomba pg Reggio

'Ndrangheta: restano in carcere presunti autori bomba pg Reggio

E-mail Stampa PDF

bomba-reggio-web0.jpg

11 maggio 2011
Catanzaro.
Restano in carcere le tre persone arrestate con l'accusa di essere mandanti ed esecutori degli attentati compiuti lo scorso anno...
      




...a Reggio Calabria contro la Procura generale, l'abitazione del procuratore generale Salvatore Di Landro e l'intimidazione al procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone. Il tribunale del riesame ha respinto i ricorsi presentati dai difensori del boss Luciano Lo Giudice, del presunto armiere della stessa cosca, Antonio Cortese, e di Vincenzo Puntorieri, legato a Cortese. Nei prossimi giorni sarà discusso il ricorso del quarto indagato, Antonino Lo Giudice, fratello di Luciano, e collaboratore di giustizia. È stato proprio Antonino ad autoaccusarsi come mandante degli attentati ed a chiamare in causa gli altri tre, delineando così il quadro della stagione della tensione a Reggio. Secondo l'accusa, corroborata appunto dalle dichiarazioni del boss Antonino Lo Giudice, gli attentati, compiuti il 3 gennaio ed il 26 agosto, e l'intimidazione a Pignatone con il ritrovamento, avvenuto il 5 ottobre, di un bazooka a poche centinaia di metri dalla sede della Dda, rientravano nella strategia messa in atto dai fratelli Lo Giudice come una sorta di vendetta nei confronti di magistrati e forze dell'ordine per gli arresti e i sequestri per cifre ingenti subiti dalla cosca.

ANSA