Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 TerzoMillennio I molteplici volti dell'Anticristo

I molteplici volti dell'Anticristo

E-mail Stampa PDF

gesu-arma-web.gif

di Anna Petrozzi - 22 novembre 2010
Un Gesù Cristo dal volto a tutti conosciuto e con le stimmate, ma armato di mitra e adornato dei simboli del potere: la spilla con il dollaro e i pozzi di petrolio e i simboli della guerra: i cacciabombardieri, mischiati ai simboli del cristianesimo: la Croce e il Golgota. Un’immagine forte, provocatoria che accompagna l’articolo del giornalista...


...Federico Rampini il quale racconta l’incredibile inchiesta del collega americano Jeff Sharlett infiltratosi in una delle organizzazioni pseudo-religiose che negli Stati Uniti hanno un enorme potere tanto nella politica quanto nella strategia militare.
“The Fellowship”, questo il nome, si trova in C-street a Washington e ha tutta una particolare visione dell’insegnamento di Cristo. Anteriore e persino più a destra dei vari neocon, teocon e Tea Party accoglie più espressioni del protestantesimo, ma non si propone come guida della masse. Semmai – spiega Rampini – cerca di pilotare gli integralismi di popolo verso i propri fini. E punta in alto, ai ponti di comando. “Lavoriamo non per risvegliare le masse ma attraverso relazioni private con i re, i leader del nostro mondo”, illustra il loro capo Doug Coe. Tra sostenitori e simpatizzanti, infatti, il segretario di Stato Hillary Clinton e il comandante in capo delle forze armate in Afganistan David Petraeus.
Ma è l’interpretazione di alcuni passi della Bibbia che dovrebbe far venire i brividi a tutti i cristiani invece dell’agghiacciante seguito che riscuote. Eccone un assaggio: “Gesù insegna che dobbiamo metterlo al di sopra di nostra madre e di nostro fratello. Ed è quello che Hitler, Lenin e Mao insegnarono ai ragazzi. Mao riuscì a convincere delle giovani guardie rosse a giustiziare i loro genitori. Non era assassinio, era la costruzione di gesu-arma-web-big.jpguna nuova nazione. Il nuovo regno”. E ancora “la fede religiosa è essenziale per l’efficienza bellica”.
Si potrebbero scrollare le spalle e alzare gli occhi al cielo se non fosse per l’inspiegabile influenza che questi folli esercitano nell’alveo del potere della nazione con il maggior dispiegamento militare del pianeta. Chi è pratico di Cristianesimo sano e legge gli eventi del mondo attraverso la sua Fede avrà riconosciuto nella lettura che vi consigliamo dell’articolo di Rampini il delinearsi di quella profezia sulla fine dei tempi in cui si parla dei falsi profeti e dell’Anticristo che, come spiega il nostro direttore Giorgio Bongiovanni nel suo sito spirituale (www.giorgiobongiovanni.it), è proprio da identificarsi in quel coacervo di potenti inebriati da un fanatismo assurdo che potrebbero giustificare una prossima guerra mondiale con la volontà di Dio. L’immagine di Cristo con i valori dell’Anticristo: la guerra, la violenza, l’odio razziale, lo scontro di civiltà. Niente di più lontano e opposto al fondamento principale dell’insegnamento di Gesù Cristo: “ Ama il prossimo tuo come te stesso”.


C-STREET WASHINGTON
di Federico Rampini - 21 Novembre 2010

È in questa strada, nella capitale degli Stati Uniti, che ha sede "The Fellowship", una misteriosa organizzazione di matrice religiosa che dagli anni Trenta influenza la politica Usa in senso ultrareazionario. Ora, per la prima volta, un reporter è riuscito a svelare chi sono, cosa pensano e cosa fanno i membri della "Famiglia" più potente d´America. Le relazioni: "Lavoriamo non per risvegliare le masse ma attraverso relazioni private con i re, i leader del nostro mondo".  La morale: "Anche Re Davide è un peccatore, ma è un eletto del Signore La volontà di Dio va oltre la morale". Le regole: "La prima regola di C Street è che non devi parlare di C Street". Il motto: "Jesus over you". Il regno: "Gesù ci insegna che dobbiamo mettere il nuovo regno al di sopra di nostra madre e di nostro fratello. Ed è quello che Hitler, Lenin, Mao insegnarono ai ragazzi".
«La prima regola di C Street - spiega Bart Stupak - è che non devi parlare di C Street». Stupak è il deputato democratico del Michigan, celebre per aver tenuto in ostaggio al Congresso la riforma sanitaria di Barack Obama, finché non strappò l´emendamento che proibisce i finanziamenti federali agli ospedali che praticano l´aborto. «È una questione di efficienza - spiega il grande maestro di C Street, Doug Coe - più l´organizzazione è invisibile, più forte è la sua influenza». C Street è il nome della via di Washington che ospita The Fellowship. La Compagnia. La misteriosa organizzazione, di matrice religiosa, influenza i vertici degli Stati Uniti per imporre la sua visione reazionaria. Nella sede sulla C Street la Compagnia gestisce un "ostello". È il pensionato riservato ad una élite molto selezionata di senatori e deputati. Per poche centinaia di dollari al mese hanno diritto a vitto e alloggio, corsi di formazione, sedute di preghiera, assistenza spirituale. E protezione contro gli avversari. I suoi segreti sono stati svelati per la prima volta da un reporter del New York Times, Jeff Sharlet, esperto di sette fondamentaliste. Unico "infiltrato" esterno, Sharlet racconta il più esclusivo club della capitale. Il suo viaggio in quel mondo è al centro del libro-inchiesta C Street (Little, Brown and Company), appena uscito negli Stati Uniti. Svela una realtà stupefacente, che supera le più paranoiche "teorie del complotto". Il sistema messo in piedi dalla Fellowship non s´identifica con fenomeni come il fondamentalismo religioso predicato alle masse. Lei vola molto più in alto. Semmai cerca di pilotare gli integralismi di popolo verso i propri fini. La sua storia ha origini anteriori rispetto ai neocon, ai teocon, al Tea Party. I suoi affiliati sono ovunque, in posti di comando. La Compagnia ha una missione divina ma sa essere a suo modo ecumenica: accoglie membri delle più diverse chiese protestanti. Ha una forte impronta di destra eppure include repubblicani e democratici. Ha frequentato le sue Preghiere del Mattino perfino la democratica Hillary Clinton, segretario di Stato. Il proselitismo della Compagnia permea le forze armate, influenza il generale David Petraeus comandante capo in Afghanistan. La tutela che offre è preziosa. Due suoi membri, ultraconservatori, moralisti e bigotti, di recente sono stati al centro di scandali sessuali che avrebbero distrutto qualsiasi politico americano. Mark Sanford, governatore della South Carolina, sparito ufficialmente «per un pellegrinaggio di meditazione spirituale sui monti Appalachi», era in realtà con la sua amante clandestina a Buenos Aires. John Ensign, senatore repubblicano del Nevada, aveva una relazione extraconiugale con la moglie del suo più fidato assistente. Per loro è scattata la rete di difesa della Fellowship: Ensign e Sanford sono ancora ai loro posti. Per gli ospiti della C Street non valgono le regole normali. «Anche Re Davide nella Bibbia è un grande peccatore - spiega Doug Coe - ma è un eletto del Signore. La volontà di Dio va oltre la morale».
Jeff Sharlet si imbatte nella Compagnia quasi per caso. Già autore nel 2004 di Killing the Buddha, un viaggio tra le sette più eccentriche degli Stati Uniti, il reporter del New York Times riesce a penetrare in una comunità cristiana chiamata Ivanwald, un convento laico in un sobborgo di Washington. Partecipando agli esercizi spirituali, scopre che dietro Ivanwald c´è un´altra organizzazione. Gli adepti la chiamano The Family. Ivanwald è uno dei tanti centri-satellite che servono per selezionare nuove reclute, da inserire nella «più segreta struttura del potere conservatore americano». Solo i migliori, avviati alla carriera politica, entrano nella sede centrale a C Street. La Compagnia «li assiste e li aiuta a capire meglio gli insegnamenti di Cristo, perché li applichino nel loro lavoro». Nel pensionato di C Street alloggiano regolarmente, durante le sedute del Congresso, pezzi da novanta del partito repubblicano come i senatori Tom Coburn e Jim Inhofe dell´Oklahoma. «Fanno a gara - scrive Sharlet - a chi sorpassa l´altro sull´estrema destra dello spettro politico. Coburn ha proposto la pena di morte per i medici che praticano l´aborto. Inhofe ha difeso i torturatori del carcere di Abu Ghraib». Ambedue militano nell´esercito dei "negazionisti" che contestano ogni effetto delle emissioni carboniche sull´ambiente. Nello stesso club vive Jim De Mint, il senatore repubblicano della South Carolina secondo il quale «la Bibbia ci insegna che non possiamo servire sia Dio che lo Stato». The Fellowship fornisce una formazione che va oltre le questioni etico-religiose. Nella sede sulla C Street si tengono seminari che preparano la legislazione in campo energetico, le votazioni al Congresso sulla politica estera, le strategie da applicare a livello mondiale nel «conflitto di civiltà» contro l´Islam. Viene ad abbeverarsi a queste dottrine il giudice più reazionario della Corte suprema, Clarence Thomas - anche lui miracolosamente scampato alle denunce di abusi sessuali della sua assistente Anita Hill. Nell´esercito l´organizzazione gemella si chiama Officers´ Christian Fellowship, il cui scopo secondo il colonnello Dick Kail è «conquistare a Gesù Cristo un territorio dentro le forze armate». Ha un manuale di campo, giustamente intitolato "Sotto gli ordini" (Under Orders: A Spiritual Handbook for Military Personnel). Scritto dal colonnello William McCoy, teorizza che «la fede religiosa è essenziale per l´efficienza bellica». Quel manuale reca in copertina un elogio autorevole: «Under Orders dovrebbe essere nello zaino di ogni soldato, per i momenti in cui ha bisogno di energia spirituale». Firmato: generale David Petraeus.
 The Fellowship ha caratteri che la distinguono da altre congregazioni di potenti. Non riconosce autorità religiose a lei superiori (a differenza dell´Opus Dei verso il papa). Non pretende la segretezza totale di certe logge massoniche, più che clandestina preferisce essere «discreta». Nel suo documento più recente, intitolato Otto aspetti fondamentali di visione e di metodo, è citato un passaggio degli Atti degli Apostoli: «Quest´uomo è lo strumento che ho prescelto per difendere il mio nome presso i Gentili e i loro re». La Famiglia lo interpreta così: «Lavoriamo non per risvegliare le masse ma attraverso relazioni private con i re, i leader del nostro mondo». Di un eclettismo sorprendente, il capo della Fellowship Doug Coe cita fra i suoi modelli Adolf Hitler e Mao Zedong. «Gesù ci insegna che dobbiamo metterlo al di sopra di nostra madre e di nostro fratello - dice Coe - ed è quello che Hitler, Lenin, Mao insegnarono ai ragazzi. Mao riuscì a convincere delle giovani Guardie rosse a giustiziare i loro genitori. Non era assassinio, era la costruzione di una nuova nazione. Il nuovo regno».
Ciò che Sharlet trova sconcertante, è che nessun giornalista prima di lui abbia indagato fino in fondo su questa organizzazione, la cui storia è tutt´altro che recente. La genesi della Fellowship risale addirittura agli anni Trenta. La fonda Abraham Vereide, che teorizza un «capitalismo biblico» intriso di simpatie per il fascismo. Tra i suoi adepti c´è Henry Ford, che dalla Fellowship viene incoraggiato a reprimere le lotte operaie. Nel dopoguerra, aiutato dal tele-evangelista Billy Graham, Vereide crea il National Prayer Breakfast. A quella Preghiera del Mattino aderiscono presidenti repubblicani come Gerald Ford, Ronald Reagan, George W. Bush, spesso con l´esecutivo al gran completo. Occasionalmente, brandelli di verità appaiono sui giornali. Nel 1952 il Washington Post rivela che il ministro della Difesa mette a disposizione aerei militari per gli spostamenti della Famiglia. Dopo lo scandalo del Watergate il New York Times cita una Preghiera del Mattino tenuta da Gerald Ford alla Casa Bianca per decidere il perdono presidenziale a Richard Nixon. Nel 1975 Playboy pubblica un reportage che descrive The Fellowship come una banca-ombra che eroga prestiti a parlamentari amici. Il ruolo della Compagnia affiora dietro l´aiuto fornito ad alcuni «fratelli stranieri» come il dittatore Suharto in Indonesia, Ferdinando Marcos nelle Filippine, la legge anti-gay in Uganda. Ma nessuno prima di ora aveva messo insieme i tasselli del mosaico. La curiosità dei mass media non aveva varcato il portone sulla C Street. Ora che il velo è stato rotto da Sharlet, altri hanno deciso di muoversi. L´Unione delle Chiese metodiste ha presentato una denuncia. «Nel cuore della capitale - si legge nell´esposto - un residence per politici potenti si spaccia per una chiesa, e usufruisce abusivamente di esenzioni fiscali riservate ai veri luoghi di culto». L´Internal Revenue Service, l´agenzia federale dell´entrate, ha aperto un´inchiesta. Dopo settant´anni di congiure indisturbate, questa venerabile rete di potere può davvero scivolare sul banale reato di evasione fiscale? Col vento politico che soffia di nuovo a destra, e il Tea Party in guerra contro tutto ciò che sa di tasse, c´è da scommettere che The Fellowship ha ancora un futuro davanti a sé.

Tratto da: La Repubblica