Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Minacce alla giornalista Rosaria Capacchione

Minacce alla giornalista Rosaria Capacchione

E-mail Stampa PDF

capacchione-rosaria-web1.jpg


12 febbraio 2010
Napoli.
Ancora minacce per la giornalista Rosaria Capacchione. E' accaduto ieri dopo la presentazione del libro alla store Feltrinelli di piazza dei Martiri a Napoli...




...di Daniela De Crescenzo «’O cecato», che racconta la «vera storia» sul boss dei casalesi, Giuseppe Setola, arrestato poco più di un anno fa. Avrebbe avvicinato la giornalista, contestandole i suoi articoli sui Casalesi, proprio un cugino di Iovine.
"Sono sconcertata  perché non riesco a interpretare chiaramente un fatto che non capisco", ha detto Rosaria Capacchione all'Ansa. "L'uomo che si è avvicinato - ha raccontato - l'avrò incontrato tante volte a Caserta ma non mi ha mai detto niente. Mi chiedo perché sia venuto a Napoli a comprarsi il libro e a contestare il contenuto di articoli che risalgono ad oltre un anno fa". Una situazione che "turba e che è di difficile interpretazione", ha aggiunto la giornalista.

IRIS


La redazione di ANTIMAFIADuemila esprime solidarietà e sostegno alla collega Rosaria Capacchione dopo l'atto intimidatorio subito.



Camorra: Libera e comitato don Peppe Diana, solidarieta' a Capacchione


12 febbraio 2010
Roma.
A Rosaria Capacchione, giornalista de Il Mattino, Libera Caserta ed il Comitato don Peppe Diana esprime in una nota "la piena e convinta solidarieta' e vicinanza". "La sua indiscutibile opera di informazione - sottolinea la nota - tesa ad illuminare le zone d'ombra e a rompere il muro del silenzio contro la camorra ed i camorristi del clan dei Casalesi, non puo' e non deve essere messa in alcun modo in discussione da intimidazioni e minacce di chicchessia".

"Alla Capacchione e a tutti i giornalisti che ancora conservano la schiena dritta e che mai hanno fatto un passo indietro dinanzi al senso del dovere che li anima - prosegue - gridiamo 'Forza e Coraggio, noi siamo con voi'. Facciamo parte di una societa' responsabile e della camorra e dei camorristi, affiliati e parenti conniventi, non ne vogliamo sapere piu' niente. Non vogliamo essere rassegnati e non vogliamo neppure girarci dall'altra parte. All' amica Rosaria Capacchione diciamo semplicemente: 'Vai avanti, noi siamo al tuo fianco'".
 
Adnkronos