Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia eventi Operazione ''Albatros 2008'' : sequestrate tonnellate di cocaina

Operazione ''Albatros 2008'' : sequestrate tonnellate di cocaina

E-mail Stampa PDF

droga-web2.jpg

3 marzo 2009
Cinque tonnellate e mezzo di cocaina sono state sequestrate a bordo di un peschereccio colombiano...  VIDEO ALL'INTERNO!





... al largo delle isole Azzorre dalla polizia spagnola grazie al lavoro di intelligence degli agenti della squadra mobile della questura di Genova.
Il sequestro compiuto il 26 febbraio scorso, dopo quello di altre 3,5 tonnellate avvenuto all’inizio dell’anno, è il maggiore nella storia della lotta al narcotraffico, ha sottolineato il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, in una conferenza stampa svoltasi nel pomeriggio in questura. I cinque componenti dell’equipaggio del peschereccio, tutti di nazionalità colombiana, sono stati arrestati. Il sequestro è potuto avvenire grazie a riservatissime attività investigative condotte dagli agenti della Questura genovese coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Genova

Questo sequestro fa seguito a un altro effettuato all’inizio del 2009, nell’ambito della stessa inchiesta, che ha portato al sequestro di 3,5 tonnellate di cocaina e all’arresto di due persone, al largo delle coste galiziane. In quel caso la droga era stata portata direttamente dal Sud America via aereo, lanciata in mare, recuperata da una nave e poi distribuita ad altre imbarcazioni più piccole e veloci per l’ultimo tratto. Il carico si calcola fosse di ben 20 tonnellate. Nella seconda operazione è stato sequestrato l’intero quantitativo trasportato. In totale sono nove le tonnellate di cocaina sequestrate nell’ambito dell’inchiesta.
La droga sequestrata in alto e l’imbarcazione dei trafficanti sotto “arenata” dopo il blocco

La collaborazione tra la polizia italiana e quella spagnola ha preso il via da una complessa attività di indagine su galiziani impegnati in Italia in un traffico di droga fornita da grossisti colombiani.

Tra i galiziani sono stati compiuti altri nove arresti: «Si tratta - hanno detto gli inquirenti - della più più grassa organizzazione di importatori di droga d’Europa». L’organizzazione era dedita al trasporto della droga dal Sudamerica sino all’Europa dove doveva essere sbarcata parte in Spagna parte in Italia. Le attività della polizia genovese si sono sviluppate sia con pedinamenti avvenuti in Liguria e in Toscana su soggetti spagnoli, sia con intercettazioni telefoniche su utenze italiane e spagnole.

IL RUOLO DELLE INTERCETTAZIONI E LA POLEMICA CON IL GOVERNO

«Questa operazione è stata possibile perché ora non ci sono limitazioni nella legislazione riguardo le intercettazioni»: lo ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia Piero Grasso commentando i risultati dell’operazione «Albatros 2008» che ha portato al sequestro di nove tonnellate di cocaina nelle acque dell’Atlantico e allo smantellamento di una organizzazione di trafficanti spagnoli. Se vi fossero state norme che impediscono l’uso delle intercettazioni per il proseguo delle inchieste «l’indagine - ha affermato Grasso - sarebbe finita prima ancora di incominciare». Nel corso della conferenza stampa durante la quale sono stati forniti i dettagli dell’operazione, il sostituto procuratore della direzione antimafia di Genova Federico Panichi ha sottolineato come le indagini sul traffico internazionale di stupefacenti possano essere affrontate soltanto attraverso l’utilizzo delle intercettazioni.

Tratto da: ilsole24ore.com


Il video dell'operazione  by YouTube