Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Arresti Camorra: arrestato Vaccaro, latitante del clan Polverino

Camorra: arrestato Vaccaro, latitante del clan Polverino

E-mail Stampa PDF

carabinieri-web4.jpg

1° luglio 2011
Napoli.
Vincenzo Vaccaro, un latitante ritenuto affiliato al clan camorristico dei Polverino, è stato preso dai carabinieri del Nucleo Investigativo a Marano (NA).
    




Era destinatario di un ordine di custodia cautelare emesso il 9 febbraio scorso dal Gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea. L'uomo era riuscito a sfuggire al blitz dei carabinieri di Napoli che aveva portato all'arresto di 40 affiliati responsabili a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, estorsioni, usura, detenzione illecita di armi, traffico e spaccio di stupefacenti nonchè al sequestro preventivo di beni per un miliardo di euro. L'indagine era stata coordinata dalla Dda di Napoli dal 2007 a oggi, anche con la cooperazione dell'Uco (Unidad Central Operativa) della Guardia Civil spagnola. Nel corso delle indagini i carabinieri avevano identificato capi e gregari del clan camorristico che, a partire dall' hinterland a nord di Napoli, aveva assunto il controllo di attività imprenditoriali e commerciali in Italia e in Spagna gestendo un grosso traffico di stupefacenti dalla Spagna all' Italia per il rifornimento delle «piazze di spaccio» in mano a vari clan del capoluogo campano e di altre regioni. Vaccaro è stato individuato in una abitazione in via Pendine Calasanno dove era ospite di due persone che sono state denunciate in stato di libertà per favoreggiamento personale (un 53enne e la nipote 45enne). All'arrivo dei carabinieri ha tentato di fuggire dalla finestra del bagno ma ha abbandonato il proposito quando si è reso conto che la casa era circondata. Con il suo arresto sale a 20 il numero dei latitanti di spicco catturati dal 1ø gennaio dai carabinieri di Napoli.

ANSA