Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 La catena di san libero Pm Rossini: ''Indagini su Ciancimino utili per procura Palermo''

Pm Rossini: ''Indagini su Ciancimino utili per procura Palermo''

E-mail Stampa PDF

ciancimino-massimo-web46.jpg

20 giugno 2011
L'Aquila.
«In relazione al tesoro occulto di Ciancimino il nostro lavoro non si ferma certo qui, stiamo ancora operando a tutto campo...
     




...per scoprire altri elementi. Non ci fermeremo affatto. Alcune nostre cose sono utili alla procura distrettuale antimafia di Palermo». Lo ha detto il procuratore capo della repubblica dell'Aquila, Alfredo Rossini, che è anche procuratore distrettuale antimafia dell'Aquila, nella conferenza stampa sull'operazione relativa alla confisca delle quote di due società in odore di mafia operanti tra Tagliacozzo e Carsoli, che hanno investito capitali riconducibili a Vito Ciancimino. Dall'incontro è emerso che ulteriori misure di prevenzione patrimoniale, proposte dalla Procura della Repubblica di L'Aquila nei confronti di altri imprenditori abruzzesi, non sono state accolte dal Tribunale del capoluogo che pure ha riconosciuto, in un caso, «rapporti societari e partecipativi» «con una pluralità di soggetti che non si può negare vengano toccati da sospetti in ordine alla legalità delle loro operazioni». I beni confiscati, transitando nel patrimonio dello Stato, saranno gestiti dall' «Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata», per finalità istituzionali e sociali potendo tali beni essere reinseriti nell'economia legale, anche e soprattutto a favore delle categorie più deboli e delle vittime.

ANSA