Archivio Antimafia Duemila

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
NOTIZIE 2007/2011 Mafia Flash Camorra: pentito trovato impiccato, per inquirenti e' suicidio

Camorra: pentito trovato impiccato, per inquirenti e' suicidio

E-mail Stampa PDF
5 ottobre 2011
Viterbo.
Martino Galasso, 53 anni, fratello del super boss di Poggiomarino (Napoli), Pasquale, trovato impiccato nella sua casa a Viterbo, si è suicidato.
   
Sarebbero queste le conclusioni dei periti che hanno eseguito l'autopsia, e degli uomini della Squadra Mobile.
Due gli elementi che hanno impresso la svolta all'inchiesta aperta dalla procura della Repubblica di Viterbo dopo il ritrovamento del cadavere di Galasso, reo confesso di 31 omicidi: i medici che hanno eseguito l'esame autoptico non hanno trovato alcun segno di violenza sul corpo; mentre i poliziotti hanno trovato un biglietto con il quale l'ex collaboratore di giustizia chiede scusa alla famiglia per il suo gesto - abitava con la moglie e quattro figli - e spiegava di non riuscire «a vivere nella situazione dŸ indigenza in cui era piombato dopo la conclusione del contratto di collaborazione con lo Stato che gli aveva garantito per anni un stipendio». Ultimo tassello che manca per completare il quadro della vicenda sono gli esami tossicologici eseguiti durante l'autopsia, i cui risultati non saranno comunque disponibili prima di un paio di mesi. Ma quest'ultimo accertamento, alla luce delle novità emerse dalla indagini, potrebbe diventare del tutto marginale, tanto che non si esclude che il Pm Stefano D'Arma possa chiedere al Gip l'archiviazione del fascicolo già nei prossimi giorni. A far propendere gli investigatori per il suicidio, inoltre, c'è la crisi depressiva di cui avrebbe sofferto negli ultimi mesi Galasso, che lo avere costretto ad assumere psicofarmaci.

ANSA